Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2019

Meloni, Sea Watch, "se l'Olanda non la riconosce va affondata"

Immagine
"Se l'Olanda non riconosce "Sea Watch"l'imbarcazione registrata in Olanda come yacht e battente bandiera olandese, allora vuol dire che si tratta di una nave pirata quindi l'equipaggio va arrestato e la nave affondata".
Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbio ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate nella giornata di mercoledì 30 gennaio da Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia nel corso di una puntata di Porta a Porta, il noto talk show politico, in onda su Rai Uno, condotto da Bruno Vespa
"Convocherei l'ambasciatore olandese per chiedere delle due l'una: o cara Olanda ti stai mettendo a fare traffico illegale di immigrati a casa mia, e quindi il tuo è un atto ostile e abbiamo un problema, o tu mi dici che quella nave non la riconosci, il che vuol dire che è una nave pirata"...

La Lega in piazza a difesa del suo "capitano": Salvini non mollare

Immagine
La Lega annuncia che scenderà in piazza in difesa di Matteo Salvini. La decisione sul caso della nave Diciotti fu politica, sostiene il Carroccio, e il ministro dell'Interno non può essere messo sotto processo per questo. Ma il problema non è solo che i giudici vogliono mettere sotto processo il leader leghista. Anche una parte degli eletti del Movimento Cinque Stelle è intenzionata a non fare sconti al leader leghista. Poco conta il fatto che la decisione di non far sbarcare i migranti a bordo del pattugliatore fosse condivisa dal governo. Salvini è indagato e deve farsi processare.
Il caso, attualmente, è al vaglio della Giunta per le autorizzazioni al Senato. I tempi non sono eccessivamente stretti per cui i cinque stelle avranno modo per valutare, con la massima attenzione, le loro decisioni e le eventuali conseguenze.
La settimana prossima il Ministro dell'Interno è atteso a Palazzo Madama per illustrare le sue ragioni.Poi l'organismo avrà tempo fino al giorno 23 febbrai…

Laura Boldrini interroga il ministro Salvini sulla protezione al giornalista Paolo Berizzi

Immagine
Una interrogazione parlamentare al ministro dell’Interno Matteo Salvini e’ stata presentata dall'ex presidente della Camera dei Deputati, ora deputato di Liberi e Uguali Laura Boldrini per conoscere quali misure siano state adottate o saranno adottate a tutela del giornalista Paolo Berizzi, ripetutamente minacciato dall'estrema destra. Nell'interrogazione il deputato Boldrini ripercorre le numerose volte che hanno visto il giornalista del quotidiano La Repubblica essere destinatario di minacce, rivolte anche ai suoi congiunti.
L'ultimo caso, in ordine di tempo, pochi giorni fa, reso noto dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana in un comunicato nel quale è spiegato che Berizzi, dai soliti leoni da tastiera, ha ricevuto minacce di morte, rivolte a lui e alla famiglia, con addirittura l'augurio di documentare presto il funerale della madre e di finire i suoi giorni con molto dolore e pena.
Attualmente Berizzi gode di un dispositivo di vigilanza generica dinami…

Sulmona,ex assessore provinciale affigge striscione pro migranti, sul web le augurano lo stupro

Immagine
"Empio è colui che non accoglie lo straniero". Recitava così uno striscione di quattro metri con una frase tratta dalle Metamorfosi di Ovidio esposto in piazza XX Settembre a Sulmona durante la visita elettorale del vice premier Matteo Salvini, leader della Lega, avvenuta domenica scorsa.
Da ieri è iniziato sui social un vero e proprio tiro al bersaglio nei suoi confronti con offese sessiste molto pesanti, arrivate addirittura da altre donne nei confronti della autrice dello striscione, l'avvocato Teresa Nannarone, già assessore alla provincia dell'Aquila, che ha annunciato di voler querelare tutti. Lo stesso Salvini aveva invitato "Quelli della sinistra", a restarsene a casa a vedere la TV. "Basta con la falsità dei radical chic e dei salotti buoni che invitano ad aprire i porti, in Italia arriverà solo chi è in regola. Gli altri li ospitino nelle loro ville i signori della sinistra. Per noi vengono prima gli italiani e imprescindibile è la loro si…

Roberto Saviano:Salvini in divisa è un pericolo per la democrazia.

Immagine
Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, con la divisa della polizia, "e’ un abuso, un pericolo per la democrazia". Nel nuovo episodio del format di Fanpage.it, ’My Way’, lo scrittore Roberto Saviano spiega perché il vicepremier del governo Conte dovrebbe togliere il prima possibile felpe e giubbotto della polizia.  "Molti poliziotti pensano che quello sia un gesto di vicinanza, ma non lo e’. E’ un abuso, un attentato alla democrazia,dichiara Saviano, perchè Salvini si intesta l’istituzione come volesse dire a tutti ’io sono la polizia’".
Secondo lo scrittore, "non bisogna cadere nella trappola di credere che sia un gesto di solidarietà, perchè e’ un gesto di intimidazione". "E’ assolutamente necessario che intervengano le massime autorità’ di questo Paese, perché è in pericolo la democrazia. Salvini sta dicendo che il capo della polizia non conta nulla? Sta trasformando la polizia in una sua squadra politica?", sostiene.

Migranti, l'annuncio di Salvini: "Entro dicembre chiuderemo il Cara di Mineo"

Immagine
"Il governo ha intenzione di chiudere il centro migranti di Cara di Mineo, comune di 5000 abitanti della città metropolitana di Catania,  entro e non oltre la fine dell’anno".Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle rilasciate dal ministro dell'Interno Matteo Salvini ai colleghi di Rtl 102,5 nel corso di una intervista. "Più grossi sono i centri, più è difficile controllarli, ha precisato Salvini, dichiarando che è favorevole alla politica dei piccoli centri più controllati e più trasparenti che costano anche di meno. Il ministro infine ha ringraziato le forze dell'ordine e la Procura di Catania per aver sgominato una banda che vendeva droga in mezza Italia e aveva il suo centro nel più grande centro immigrati di Europa, a Mineo, in provincia di Catania.


Peter Szijjarto: Orban e Salvini unici difensori dei confini europei

Immagine
Noi e Salvini siamo dei pionieri,entrambi abbiamo dimostrato che l’immigrazione può essere fermata. Lui l’ha fatto via mare in Mediterraneo, noi ungheresi via terra, lungo i Balcani. Le nostre rappresentano posizioni condivise sul tema dell’immigrazione che non saranno politicamente corrette ma senza dubbio pongono come priorità la questione della sicurezza dei cittadini dei nostri Paesi e dell’Europa in generale".Queste sono le dichiarazioni rilasciate dal ministro degli esteri ungherese Peter Szijiarto in un intervista al  quotidiano torinese La Stampa nel corso della quale si auspica la vittoria della forze sovraniste alle prossime elezioni europee. "Ci piace l'approccio sovranista del vostro governo, vuol mettere l'interesse nazionale al primo posto, come sta facendo il presidente americano Donald Trump che con il suo America First ha fatto da apripista ed ha permesso a tutti i paesi del mondo di mettere al primo posto l'interesse nazionale. Guardando alle urne…

Salvini: la nave Sea Watch ha messo a rischio la vita dei migranti più volte

Immagine
"Abbiamo elementi concreti per affermare che, mettendo a rischio la vita delle persone a bordo,il comandante e l’equipaggio della Organizzazione non governativa Sea Watch 3 abbiano disubbidito a precise indicazioni che giorni fa li invitavano a sbarcare nel porto più vicino (non in Italia!), prove che verranno messe a disposizione dell’autorità giudiziaria". Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate dal ministro dell'Interno Matteo Salvini che aggiunge: "se cosi fosse, saremmo di fronte ad un crimine ed a una precisa volontà di usare questi immigrati per una battaglia politica, sarebbe un fatto gravissimo


Carlo Calenda(Pd):la Lega è un partito sovranista dedito all'assistenzialismo

Immagine
"Quella che sta governando l’Italia con il Movimento Cinque Stelle non è la Lega che ha avuto esperienze amministrative di qualità e ne ha ancora oggi, è una Lega diventata ideologica, sovranista che indulge nel peggiore assistenzialismo". Parole chiare, dirette, che non lasciano spazio ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Carlo Calenda già ministro allo sviluppo del governo Renzi, confermato con Gentiloni, aspirante candidato alle elezioni europee con il Partito Democratico, a margine di un convegno svoltosi oggi a Padova. La Lega, ha aggiunto Calenda, ha cancellato gli incentivi  agli investimenti per le imprese e non
ha nessuna delle caratteristiche di rappresentanza del mondo produttivo e lavorativo, che molto spesso vanno nella stessa direzione".  Per l'esponente democratico le alleanze con Polonia e Ungheria dimostrano che la Lega "ci vuol portare fuori dall'Occidente,dai grandi Paesi fondatori con cui si combatte e si discute, ma
noi stiamo in…

"Voglio vedere Salvini morto". Le minacce choc di una sindacalista al Ministro dell'Interno

Immagine
Che un politico esperto e navigato come Matteo Salvini si sia fatto diversi nemici, e' un fatto ovvio e scontato.
Infatti, di minacce ne ha avute tante nel corso della sua ventennale attivita' politica.
Minacce che sono aumentate notevolmente da quando il leader leghista e' diventato Ministro dell'Interno del governo Conte.
Tra le persone che ultimamente hanno insultato il Ministro c'e'la signora Isabella Zani,fondatrice del sindacato traduttori editoriali nella Cgil che sui social network ha dato sfogo alla sua immaginazione augurando addirittura la morte al leader leghista.
"Non voglio che si dimetta, scrive la Zani,non voglio che perda l'incarico, non voglio che finisca in galera. IO LO VOGLIO MORTO.
Parole davvero poco carine che il ministro Salvini cosi ha commentato: "la signora Zani, fondatrice del sindacato traduttori editoriali della Cgil scrive che mi vuole MORTO. Chiamate un medico per questa tizia! E poi il cattivo sarei io.




Rieti, la Lega si presenta alle provinciali. Ma nel simbolo compare l'Umbria

Immagine
Non c'è nulla di più legato al territorio delle elezioni amministrative. Eppure a qualche candidato della Lega sfugge persino la geografia del luogo che vorrebbe andare a rappresentare, come nel caso di Rieti.
Il prossimo 3 febbraio ci saranno le elezioni provinciali di secondo grado nella città laziale ed la Lega Rieti, nome sotto il quale si presenta la Lega 3,0 nazionalista e sovranista di Matteo Salvini nel presentare il proprio simbolo elettorale ha commesso un errore davvero clamoroso, da zero in geografia.
Nel logo della Lega Rieti, lista capeggiata da Andrea Dante, composta da 8 candidati in tutto, compare il contorno non della città e provincia laziale ma quello dell'Umbria.
Nonostante si tratti di una elezione di nicchia (a votare non sono i cittadini, ma i sindaci e i consiglieri comunali, in virtù della legge 56/2014), la notizia non poteva passare inosservata. L’errore è davvero clamoroso e non si capisce se sia da attribuire alla fretta di una presentazione del si…

Caserta, i gilet azzurri in piazza contro la manovra gialloverde

Immagine
I gilet azzurri saranno in piazza oggi, a Caserta,in occasione della giornata di mobilitazione contro le politiche del governo giallo-verde lanciata a livello nazionale dal presidente Silvio Berlusconi.
Il coordinamento provinciale di Forza Italia sarà in piazza Margherita, con un proprio gazebo per distribuire volantini e spiegare ai cittadini casertani i motivi della iniziativa che il partito terrà contemporaneamente nelle principali piazze italiane, anche per celebrare i 25 anni della nascita di Forza Italia, avvenuta il 26 gennaio del 1994.
Il Decreto Di Maio e la manovra di bilancio hanno danneggiato chi cerca e offre lavoro,aumentando le tasse a tutti. Ai cittadini faremo capire il nostro no a questa politica, hanno dichiarato il presidente provinciale Carlo Sarro ed il coordinatore provinciale Giorgio Magliocca.

Padre Zanotelli attacca il ministro Salvini: è un genio malefico

Immagine
Il 30 gennaio la giunta per le elezioni e le immunità esaminerà la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti del ministro dell’Interno sul caso Diciotti. Spetta alla politica valutare se Salvini ha difeso o meno l’interesse nazionale come ha detto qualche giurista? "Io ritengo che la politica non debba decidere afferma padre Zanotelli.
 "Se un ministro, ricorda il religioso ha fatto una cosa grave non spetta alla politica decidere. Ogni cittadino è soggetto alla legge, lo stesso dovrebbe valere per un ministro, tanto più se decide di rinunciare all’immunità. Lo convochino e lo processino".
Padre Zanotelli infine pensa alle condizioni del mare e a quelle in cui si trovano i profughi della Sea Watch: "mi dicono che ci sono onde altissime. E’ incredibile tutto questo odio. Salvini l’ho definito in tanti modi, ho utilizzato anche brutte espressioni, che non voglio ripetere, ma è un genio malefico. Questi sono atti criminali e anche se vengono fatti dal gover…

Caso Diciotti. Tribunale chiede ok a procedere contro Salvini per sequestro di persona

Immagine
Il Tribunale dei ministri di Catania, contraddicendo la richiesta motivata di archiviazione della procura del capoluogo etneo, ha richiesto l'autorizzazione a procedere in giudizio nei confronti del ministro dell'Interno Matteo Salvini per il caso Diciotti.  È quanto si apprende da fonti del Viminale. La Procura di Catania, in ottemperanza alla decisione del Tribunale dei ministri, ha inviato al Senato l'autorizzazione a procedere nei confronti del ministro dell'Interno Matteo Salvini e gli atti relativi all'inchiesta sulla nave Diciotti.  Il 20 agosto 2018 la nave Diciotti, pattugliatore della Guardia costiera italiana, con a bordo 177 migranti tratti in salvo il 16 agosto al largo di Lampedusa, arriva nel porto di Catania. Nessuno ha il permesso di scendere: Malta si è rifiutata di accoglierli e l’Italia di farli sbarcare in mancanza di un accordo dell’Unione europea sulla ripartizione dei profughi. I pubblici ministeri di Agrigento hanno indagato il ministro Matteo …

Salvini,Sea Watch come Diciotti?Difendero' confini italiani

Immagine
"Mi risulta di essere ancora indagato e di rischiare ancora fino a 15 anni di carcere per aver difeso i confini italiani. Continuerò a farlo. Se vorranno indagarmi un'altra volta, lo facciano! Gli italiani mi pagano lo stipendio anche per difendere i confini di questo paese ed io continuerò a farlo"! Con queste parole il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha parlato ai microfoni di Stasera Italia il programma televisivo che andrà in onda questa sera, con inizio alle ore 20,30 su Rete Quattro, in merito al rischio che con la vicenda "Sea Watch nave di una organizzazione non governativa che sta navigando in acque italiane con bordo 47 migranti possa verificarsi un altro "caso Diciotti"

Milano,le scritte degli anarchici:sparare a Salvini

Immagine
"Niente e nessuno mi spaventa o mi fermera".Mi auguro che la condanna nei confronti di questi delinquenti unanime".
Il Ministro dell'Interno Matteo Salvini con queste parole ha commentato la scritta apparsa su un muro in zona Ticinese a Milano( non sparare a salve, spara a Salvini) accompagnata dalla A cerchiata simbolo degli anarchici.

Costruiamo con Massimo Fini ed il Talebano, una Calabria Identitaria. Sabato convegno a Torremezzo

Immagine
Sabato 26 gennaio, con inizio alle ore 16,30 pressa la sala convegni dell'associazione culturale Massud a Torremezzo di Falconara, comune della provincia di Cosenza ci sarà un dibattito intitolato Costruiamo una Calabria Identitaria, un percorso ideologico da Massimo Fini al Talebano.
All'evento parteciperanno il filosofo e saggista Massimo Fini, editorialista de Il Fatto Quotidiano, Fabrizio Fratus, sociologo ed ispiratore del think tank Il Talebano. L'incontro.moderato dal collega Gianfranco Bonofiglio sarà caratterizzato da 2 momenti diversi. L'intervista a Massimo Fini ed a Fabrizio Fratus ed un secondo momento dedicato al tema Promuovere, valorizzare e difendere la cultura e l'identità con interventi del collega Nino Spirlì, responsabile di Cultura Identità Calabria e dell'avvocato Emma Staine, responsabile di Cultura Identità Cosenza. A parlare di Calabria Identitaria, dalle radice alle nuove sintesi, ci saranno Alfredo Iorio, responsabile di Patrie, Domeni…

Per i fondi della Lega condannato solo l'ex tesoriere Belsito. Salvini salva Umberto Bossi ed il figlio

Immagine
Dal processo sui fondi della Lega spesi per fini personali e non di partito escono Umberto Bossi ed il figlio Renzo. Lo ha deciso la Corte d'Appello di Milano che ha pronunciato, nei loro confronti, una sentenza di "non doversi procedere".Il tutto è dovuto a Matteo Salvini, che in qualità di segretario della Lega aveva deciso di querelare solo l'ex tesoriere Francesco Belsito, ma non Bossi padre e figlio. Renzo Bossi, in una breve dichiarazione, ha ringraziato Salvini e la Lega che hanno valutato i documenti delle indagini ed hanno visto che le spese a me imputate non sono state pagate dal partito. Era di diverso avviso l'accusa rappresentata dal sostituto procuratore generale Maria Pia Gualtiere la quale sosteneva: "Va estesa anche a Umberto Bossi e suo figlio Renzo" in quanto c'è "un unico disegno criminale" e "si estende a tutti gli imputati al di là delle intenzioni del querelante", ovvero Salvini. Per tutti e tre, dunque, il s…

Boldrini: le "deportazioni"di Salvini sono un atto di politica cinica

Immagine
"Le deportazioni volute da Matteo Salvini sono l'ennesimo atto di una politica cinica e propagandistica che non risolve,in nessun modo i problemi,ma mira unicamente al caos facendo crescere emarginazione e insicurezza con il solo risultato di provocare forti tensioni sociali. Basta disumanita' al potere".
Con queste parole, l'ex presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini, ora deputato di Liberi e Uguali ha commentato lo sgombero del Cara di Castelnuovo.

Corona l'immigrazionista attacca Salvini: è da mettere in galera

Immagine
Nella giornata di martedì 22 gennaio, Fabrizio Corona ha presentato la sua autobiografia intitolata "Non mi avete fatto niente. In sala era presente il figlio Carlos Maria e 100 ragazzi che indossavano delle felpe rosse e nere riportanti il suo nuovo marchio. Per il noto fotoreporter è niente poco di meno che l'inizio di un nuovo movimento. E cosi dopo aver letto ai presenti il testamento: lascio tutto a mio figlio ed aver parlato del suo libro, Corona comincia a parlare di politica, attaccando il ministro dell'Interno Salvini, guardando dei suoi post, 12 al giorno, con una frase ad effetto, ma senza alcuno contenuto. Commentando le ultime dichiarazioni di Salvini sulla polizia, che ha fatto bene a sparare al posto di blocco sono da prenderlo e mandarlo in galera. I miei psichiatri, precisa Corona, dicono una cosa: che quando per due giorni non si parla di me, io faccio qualcosa per uscire sui giornali, è un'ossessione, poi faccio i casini. Anche per Salvini è così, m…

Lega, incendiata saracinesca della sede Darsena a Milano

Immagine
La sezione Darsena della Lega a Milano è stata oggetto di un attentato incendiario a Milano. Ne dà notizia il deputato Paolo Grimoldi, segretario della Lega Lombarda che dichiara: " si tratta dell'ennesimo atto intimidatorio nei confronti di una nostra sezione.
E' dall'inizio dell'estate, continua Grimoldi, che in Lombardia si ripetono attentati contro le nostri sedi, a Cremona, a Varese, a Bergamo, in Brianza, nel Milanese.
Qui, conclude il deputato leghista, si sta scherzando con il fuoco, questa caccia al leghista rischia di degenerare in tragedia: auguriamo che non ci scappi il morto.


La lista sovranista e'ammessa al congresso di +Europa

Immagine
Ora "l'infiltrata sovranista puo' tentare la scalata a + Europa il movimento politico sostenitore di questa Europa, senza se e senza ma, guidato dalla leader radicale Emma Bonino.
L'annuncio ufficiale e' stato dato ieri dal Presidente della Commissione di Garanzia Gianfranco Spadaccia : la lista InEuropa si ma non cosi' guidata dalla sovranista Paola Radelli, amica del ministro dell'Interno Matteo Salvini, gia' candidata alle comunali di Genova nella lista de La Destra di Francesco Storace, potra' partecipare al voto nek prossimo fine settimana che stabilira' il nome del primo segretario del movimento europeista di Emma Bonino.
La candidata sovranista ed euroscettica dovra' misurarsi contro altro 3 candidati allla segreteria: Alessandro Fusecchia,Benedetto Della Vedova ed il radicale Marco Cappato.

Alla lavagna! Saltamartini (Lega) contro Vladimir Luxuria: «vergognosa lezione gender in Rai

Immagine
"Le lezioni ai ragazzi su come diventare trans sono una vergogna, soprattutto quando a veicolarle è la televisione pubblica. Quanto andato in onda sul terzo canale della Rai durante la puntata ’Alla lavagna’, rappresenta il peggio che la televisione  pubblica possa esprimere. Non si può giocare con le giovani menti di bambini che stanno iniziando a sviluppare la propria sessualità" Parole chiare, dirette, che non lasciano spazio ad equivoci alcuni, quelle pronunciate da Barbara Saltamartini, deputata della Lega. "La triste performance di Luxuria rischia di rappresentare un precedente molto pericoloso per le giovani generazioni. Mi aggiungo a chi, come me, chiede che vengano presi immediati provvedimenti nei confronti di chi ha permesso, con la messa in onda, della trasmissione questo scempio". Lo sviluppo dei più piccoli, conclude Saltamartini, compresa la loro sessualità, non è un gioco ed è giustamente delegato alla famiglia e agli educatori non può essere messo in …

Migranti, l'Anpi attacca: gravi responsabilità del governo giallo verde e della sua politica miope e xenofoba

Immagine
La strage in mare di 170 esseri umani e’ la vergogna del nostro tempo. C’e una grave responsabilità della Unione Europe,paralizzata dalle divisioni e dalle polemiche fra i suoi Paesi; c’e’ una ancor più grave responsabilità del governo italiano, con la sua miope, xenofoba e tragica politica di contrasto all'accoglienza.
Chiudere i porti, come sostiene il ministro Salvini, ignorare la violenza che ogni giorno avviene in Libia, contrastare la meritoria azione delle ONG, sono le 
cause di questa, come di altre terribili tragedie del mare. Questi morti gravano sulla coscienza di chi ha voluto o consentito tutto questo".
Parole chiare, dirette, che non lasciano spazio ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Carla Nespolo, presidente nazionale dell'associazione nazionale partigiani d'Italia commentando la nuova strage di migranti nel mar Mediterraneo.
Quei morti bambini, quelle donne e quegliuomini annegati in mare, dichiara Nespolo, turbino i sonni dei responsabili di…

La strategia anti Ong di Salvini: cuori aperti ma porti chiusi

Immagine
"Il cattivo non sono io: i cuori sono aperti ma i porti italiani restano chiusi". La strategia di Matteo Salvini non cambia. Il vice premier del governo Conte non ha ripensamenti dopo l'ennesima tragedia del mare. Nella consueta diretta Facebook il leader del Carroccio capovolge la lettura che lo vede tra i principali responsabili del naufragio e della conseguente perdita di vite umane.
Il ministro dell'Interno fa notare agli ascoltatori che da qualche giorno una nave appartenente ad una Organizzazione non governativa è tornata a solcare le acque prospicienti alla Libia.
Ed è chiaro ed evidente che i trafficanti di esseri umani di fronte alla possibilità di tornare ai loro affari ne hanno approfittato, precisa Salvini, sempre più convinto che l'unico modo per evitare morti in mare sia fermare le barche in partenza ed imporre uno stop ai viaggi della speranza. 
Al Ministro dell'Interno non interessano, in alcun modo, gli attacchi dei suoi detrattori, piuttosto i …

Ettore De Concilis(Mns). il referendum abrogativo del reddito di cittadinanza: la morte della destra sociale in Fratelli d'Italia

Immagine
Giorgia Meloni raccoglie l'appello di Vittorio Feltri, direttore del quotidiano Libero ed in qualità di leader di Fratelli d'Italia è pronta a promuovere un referendum per abrogare, in tutto o in parte, del Reddito di Cittadinanza ed a costituire, in tempi brevi, i comitati per la raccolta delle firme per abolire questo provvedimento definito folle. Una scelta ad un provvedimento di natura sociale, che possiamo anche non condividere nei modi e nelle forme, ma che rappresenta una risposta al disagio ed alla disperazione, come ci scrive, in un interessante post Ettore De Concilis, segretario regionale del Movimento nazionale per la sovranità, leader della destra sociale irpina.


Ho voluto verificare bene che la notizia fosse vera, perché non volevo crederci.Non ho mai visto un Partito politico proporre o promuovere, con tanta determinazione, una così marcata opposizione ad un provvedimento di natura sociale, che si può anche non condividere nei modi o nelle forme, ma che comunque r…

Una corona di fiori per ricordare il sacrificio di Jan Palach. L'iniziativa dei sovranisti di Alemanno domani a Roma

Immagine
Domani il Movimento Nazionale per la Sovranità ricorderà del sacrificio di Jan Palach, nel cinquantenario della sua morte avvenuta il 19 gennaio 1969.
I militanti del movimento sovranista, guidati dal Segretario nazionale Gianni Alemanno, si troveranno domani alle ore 10,30 in Piazza Jan Palach a Roma per deporre una corona d’alloro davanti al monumento a lui dedicato e per una ricordarlo con una manifestazione pacifica.
Jan Palach si immolò in piazza San Venceslao a Praga dandosi fuoco per protestare contro l’occupazione della Cecoslovacchia da parte delle forze del Patto di Varsavia e “per scuotere la coscienza del popolo”.
“Abbiamo visto, dichiara Gianni Alemanno, qualche servizio giornalistico che nei giorni scorsi ha ricordato il sacrificio di Jan Paslach, ma è paradossale che davanti al monumento a lui dedicato nell’omonima piazza, non ci sia nessuna traccia di un ricordo da parte delle istituzioni italiane. Ci sono solo le corone d’alloro deposte dalle Ambasciate Ceca e Slovacca, …

Marine Le Pen annuncia per febbraio il grande comizio sovranista con Salvini

Immagine
"Dopo le presidenziali i cittadini erano stanchi della politica, c'è stata una fase di allontanamento generale, non eravamo noi a esserci indeboliti.Ora tutto è cambiato in Europa e lo vedremo alle elezioni di primavera".
Parole chiare quelle pronunciate da Marine Le Pen, leader di Raggruppamento Nazionale, che annuncia un grande comizio sovranista in Italia, tra qualche settimana, con Matteo Salvini, probabilmente a Milano.
Siamo un partito pragmatico, non ideologico, dichiara Marine Le Pen. Eravamo per l'uscita dall'euro e dall'Unione Europea quando l'unica alternativa era la totale sottomissione a Bruxelles e l'abbandono della Ue.
Oggi, sottolinea la leader sovranista francese, possiamo cambiare l'Europa dall'interno, uscire e adottare una nuova moneta non è più una nostra priorità, d'altronde i trattati sono interpretabili a piacere, basti guardare cosa ha fatto la Banca Centrale Europea con il quantitative easing.
Quando il presidente del…

Salvini: per contrastare la mafia nigeriana il governo è pronto ad inviare altri militari a Castel Volturno

Immagine
"E’ già attivo il piano nazionale di impiego delle forze armate relativo all'operazione Strade Sicure, che assegna al prefetto di Caserta un’aliquota complessiva di 230 militari già impiegati in servizi di vigilanza a obiettivi sensibili, che possono essere rimodulati e potenziati sulla base di valutazioni tecnico-operative: la disponibilità a incrementare la difesa del territorio è assolutamente totale".
 E’ quanto assicura il ministro dell’Interno Matteo Salvini, rispondendo durante il question time in Senato a un’interrogazione parlamentare circa l'impiego dei militari a Castel Volturno al fine di contrastare la mafia nigeriana.
"I gruppi criminali nigeriani che operano nel nostro Paese, dichiara il ministro Salvini presentano una struttura verticistica con caratteristiche organizzative e comportamentali tipiche del sistema mafioso.  La mafia nigeriana ha mostrato estrema versatilità e capacità di penetrazione in diverse regioni, anche dove sono presenti organi…

Arresto Cesare Battisti, in via Arenula il manifesto anti ministri Bonafede e Salvini di Militant

Immagine
Nella notte tra mercoledi 16 e giovedi 17 gennaio, in via Arenula nel centro di Roma e' comparso uno striscione di solidarieta' a Cesare Battisti e di accusa ai ministri Bonafede e Salvini. Il gesto e'stato rivendicato dal collettivo Militant con una nota che riportiamo per intero.
Dopo la cattura di Cesare Battisti i 2 ministri cosplayers mascherati per l' occasione da poliziotto e secondino, hanno inscenato uno spettacolo grottesco che ha riportato indietro di qualche secolo le lancette della giustizia italiana. L' ostensione del mostro in una pubblica piazza, l'esposizione della preda davanti alle televisioni nemmeno fosse un trofeo di caccia, la spettacolarizzazione dell'arrivo in areoporto trasformato in uno show per le telecamere con tanto di palchetto autocelebrativo fino ad arrivare alla realizzazione del video della vergogna.
Nessuno, continua la nota, si era mai spinto fino a questo punto, nemmeno  i peggiori ministri democristiani nel periodo pi…

Nencini diffida la Lega: Lo slogan 'Rivoluzione del buonsenso' è del Psi

Immagine
Il Psi diffida la Lega di Matteo Salvini all'uso dello slogan 'La Rivoluzione del Buonsenso' utilizzato dal Carroccio in occasione delle elezioni politiche di domenica 6 marzo del 2018. Uno slogan, ad onor del vero, già ideato e adottato, con scarsi risultati in termini elettorali, per amore di verità, dal Partito Socialista nel 2010, con una campagna di comunicazione declinata sulla rete e attraverso affissioni e installazioni nelle stazioni delle maggiori città italiane, come Roma, Napoli, Firenze.
La campagna del Partito Socialista cosi recitava: "La rivoluzione del buonsenso, Volendo Psi".
Il partito guidato da Riccardo Nencini fa sapere, attraverso i suoi avvocati, che "nell'interesse del Partito Socialista Italiano l'adozione non autorizzata dello slogan costituisce imitazione pedissequa di frutto dell'elaborazione intellettuale altrui" e invita Matteo Salvini e la Lega "ad astenersi dal fare uso dello slogan copiato e a rimuovere l…

Juventus Milan, il ministro Salvini non guardera' la partita come forma di protesta

Immagine
Oggi alle ore 18,30 la Juventus sfidera' il Milan per la finale della Supercoppa d'Italia a Gedda in Arabia Saudita.
Il luogo di assegnazione di questo avvenimento sportivo nei giorni scorsi aveva scatenato infinite polemiche politiche  per via del divieto alle donne di entrare in alcuni settori  dello stadio.
Matteo Salvini,ministro dell'Interno del governo Conte, grande tifoso del Milan,ha annunciato che questa sera non guardera' la partita in televisione come forma di protesta. Vedro' il risultato questa sera, quando saro' a Roma.
Parole chiare quelle pronunciate dal ministro leghista risppondendo alle domande dei colleghi sardi alla fine del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza a Cagliari al quale ha partecipato, anche a chi ipotizzava la necessita' di un embargo nei confronti dell'Arabia Saudita definito addirittura "sponsor del terrorismo islamico"

De Concilis(Mns):l'arresto di Cesare Battisti è la vittoria di populisti e sovranisti in Brasile e Italia

Immagine
La vicenda dell'arresto di Cesare Battisti ha suscitato tanta discussione: è dalla elezione del Presidente Bolsonaro, in effetti, che la politica, e di rimbalzo la cassa di risonanza dei social, si è ritrovata a discutere di pagine della storia d'Italia fra le più crude e cruente, proprio per l'aspettativa del rientro in Patria del latitante Battisti. Si sa, ormai si parla per post, il dibattito politico si fa con i tweet e un video in diretta vale ben più di un comizio di piazza, tuttavia occorre, ogni tanto, il tempo di approfondire le questioni, specialmente quelle cruciali, con qualche contributo appena appena più riflessivo.
Il fatto di cronaca è che il 12 gennaio, dopo quasi quarant'anni, è stato arrestato ed immediatamente estradato Cesare Battisti, evaso, latitante, indagato, imputato e condannato per numerosi reati, fra cui molti dei quali intanto prescritti (detenzione di armi, aggressione, ferimenti, cospirazione e associazione sovversiva, rapina, partecipazi…

Martina(Pd), Salvini a cena con renziani? Noi alternativi alla Lega

Immagine
È un evento benefico che non va caricato di un significato particolare sul piano politico Tuttavia, la cena di questa sera organizzata a Roma dall'associazione "Fino a prova contraria", e alla quale dovrebbero partecipare sia il vicepremier Matteo Salvini sia alcuni esponenti del "Giglio magico" dell'ex premier Matteo Renzi come i deputati dem Maria Elena Boschi e Francesco Bonifazi e l'imprenditore Marco Carrai, diventa un caso nel Partito democratico ed  offre a Martina lo spunto per prendere nettamente le distanze da qualsiasi idea di dialogo con il leader leghista. Nemmeno in proiezione futura.
Noi siamo seccamente alternativi, con queste parole, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcune l'ex segretario del Partito Democratico Maurizio Martina ha commentato nel corso del programma radiofonico Circo Massimo, in onda su Radio Capital, la notizia della cena organizzata dall'associazione Fino a prova contraria alla quale dovrebbe partecipa…

Arezzo,una via per Oriana Fallaci:esulta la Lega

Immagine
Il gruppo consiliare della Lega Nord Toscana  esprime soddisfazione per l’intitolazione ad Arezzo di una strada ad Oriana Fallaci. Intitolazione che è frutto di un atto consiliare presentato nel 2016 dalla stessa Lega. Come spiega la prima firmataria Tiziana Casi, "abbiamo voluto dedicare una via di Arezzo ad una donna che ha impegnato la sua vita nella lotta ad ogni forma di totalitarismo, politico, culturale e religioso. Questo per noi è un segnale di resistenza e difesa della nostra libertà. Oriana era una donna libera, coraggiosa e fiera. Una strada in suo onore, conclude il consigliere Casi è un tributo  alle nostre radici".
Il capogruppo della Lega Egiziano Andreani ha inoltre dichiarato: Oriana Fallaci è stata una penna libera e indipendente, la sue capacità giornalistiche e il suo modo di scrivere sono uniche e riconosciute in tutto il mondo. Dopo la pubblicazione del libro Eurabia, personalmente, l’ho definita la nuova ’Fra Marco d’Aviano’. Perché dopo circa tre seco…

Salvini sfida Macron: dacci i delinquenti italiani

Immagine
Dopo la cattura di Cesare Battisti non potevano non accendersi i riflettori anche su altri latitanti che hanno evitato la giustizia italiano riparando all'estero. Molti di essi hanno trovato rifugio in Francia grazie alla "Dottrina Mitterand" Tra i latitanti in Francia possiamo ricordare i nomi di Giorgio Pietrostefani fondatore con Adriano Sofri di Lotta Continua, Simonetta Giorgieri e Carla Vendetti entrambe condannate all'ergastolo nel processo Moro ter, Sergio Tornaghi ex brigatista condannato all'ergastolo per partecipazione a banda armata e destinatario di un mandato di cattura internazionale ed esponente della colonna brigatista milanese 'Walter Alasi
E proprio su questo punto, Salvini a Non è l'Arena di Giletti manda un messaggio chiaro all'Eliseo: "Chiederò domani al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, di scrivere al presidente francese, Emmanuel Macron, di restituirci altri delinquenti che hanno tolto vite. L'impegno è che sia l…

Cesare Battisti arrestato in Bolivia. Salvini: pacchia finita, ora galera a vita

Immagine
Cesare Battisti è stato catturato in Bolivia a Santa Cruz, una città al centro del paese. L'ex terrorista aveva fatto perdere le sue tracce a dicembre dopo che era stato spiccato nei suoi confronti un ordine di cattura.
Ad eseguire l'arresto una squadra speciale dell'Interpol, composta da agenti boliviani, italiani e brasiliani. Al momento dell'arresto Battisti aveva barba e baffi.
Gli investigatori, ad onor del vero italiani erano già da una settimana in Bolivia e dopo aver circoscritto l'area in cui si trovava Battisti hanno iniziato a pedinarlo. Prima di intervenire, però, sono state fatte tutte le attività di comparazione e i riscontri visivi possibili fino a quando si è avuta la ragionevole sicurezza che fosse proprio lui. A quel punto sono stati fatti intervenire i poliziotti boliviani, che lo hanno fermato in mezzo alla strada.
Quando gli agenti boliviani si sono rivolti a lui, non ha tentato di fuggire e ha risposto in portoghese.
A confermare la notizia, antic…

Macerata, scritte contro Salvini ed il Questore:denunciato trentenne

Immagine
E' stato individuato e denunciato il presunto autore di scritte offensive nei confronti del Ministro dell'Interno Matteo Salvini e del Questore di Macerata Antonio Pignataro  comparse nei giorni scorsi  sulla parete esterna del teatro Gentile a Fabriano.
Si tratta di un giovane trentenne di Macerata che avrebbe agito da solo. Le indagini sono state svolte dalla polizia municipale di Fabriano.
Dop aver fatto i rilievi del caso le scritte sono state rimosse. Ora l'esito delle indagini e'al vaglio della Procura di Ancona.

Ambrosini ricorda il senatore Boso e il suo impegno sui casi Ortes e Maniero

Immagine
E' morto nella notte tra giovedì 10 e venerdì 11 Enzo Erminio Boso, tra i fondatori della Lega Nord in Trentino Alto Adige a causa di un infarto. Aveva 73 anni ed era un leghista della prima ora. Dal 1992 al 1996 aveva ricoperto il ruolo di senatore della Repubblica ed era mentre nel 1998 e nel 2003 era stato eletto al consiglio della Provincia Autonoma di Trento. Nel giugno del 2008 viene proclamato parlamentare europeo subentrando a Gian Paolo Gobbo.
Alessandro Ambrosini, direttore di Notte Criminale, il primo web magazine dedicato alla cronaca nera ricorda l'impegno del senatore leghista, in qualità di vice presidente del Copasir (Comitato Parlamentare per la sicurezza della Repubblica sul caso Ortes, con un post dalla sua pagina Facebook che riportiamo per intero.

Se c'è stato un politico che si "spese" per la verità sul caso Ortes, che mise la sua figura a difesa di chi stava indagando in quel ginepraio di connivenze che coprì Maniero, fu Erminio Boso. Il sen…