Migranti, l'Anpi attacca: gravi responsabilità del governo giallo verde e della sua politica miope e xenofoba

La strage in mare di 170 esseri umani e’ la vergogna del nostro tempo. C’e una grave responsabilità della Unione Europe,paralizzata dalle divisioni e dalle polemiche fra i suoi Paesi; c’e’ una ancor più grave responsabilità del governo italiano, con la sua miope, xenofoba e tragica politica di contrasto all'accoglienza.
Chiudere i porti, come sostiene il ministro Salvini, ignorare la violenza che ogni giorno avviene in Libia, contrastare la meritoria azione delle ONG, sono le 
cause di questa, come di altre terribili tragedie del mare. Questi morti gravano sulla coscienza di chi ha voluto o consentito tutto questo".

Parole chiare, dirette, che non lasciano spazio ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Carla Nespolo, presidente nazionale dell'associazione nazionale partigiani d'Italia commentando la nuova strage di migranti nel mar Mediterraneo.
Quei morti bambini, quelle donne e quegli uomini annegati in mare, dichiara Nespolo, turbino i sonni dei responsabili di questo sterminio e chiamino a raccolta tutti coloro che vogliono lottare per la difesa della vita e dell’umanità di 
ogni persona".

Commenti

Post popolari in questo blog

Sea Watch. De Luca da parlamentari Pd atto di ottusità politica: chi viola le leggi deve essere arrestato

Bibbiano, il democratico Delrio: Salvini specula su bimbi per distrarre l'opinione pubblica

Migranti, Casarini: “Torniamo in mare battendo bandiera italiana”. Calderoli(Lega) Casarini rischia la galera, buona crociera