Salvini: per contrastare la mafia nigeriana il governo è pronto ad inviare altri militari a Castel Volturno


"E’ già attivo il piano nazionale di impiego delle forze armate relativo all'operazione Strade Sicure, che assegna al prefetto di Caserta un’aliquota complessiva di 230 militari già impiegati in servizi di vigilanza a obiettivi sensibili, che possono essere rimodulati e potenziati sulla base di valutazioni tecnico-operative: la disponibilità a incrementare la difesa del territorio è assolutamente totale".
 E’ quanto assicura il ministro dell’Interno Matteo Salvini, rispondendo durante il question time in Senato a un’interrogazione parlamentare circa l'impiego dei militari a Castel Volturno al fine di contrastare la mafia nigeriana.
"I gruppi criminali nigeriani che operano nel nostro Paese, dichiara il ministro Salvini presentano una struttura verticistica con caratteristiche organizzative e comportamentali tipiche del sistema mafioso.
 La mafia nigeriana ha mostrato estrema versatilità e capacità di penetrazione in diverse regioni, anche dove sono presenti organizzazioni criminali autoctone; in particolare, nell'area domiziana in provincia di Caserta, dove hanno acquisito da tempo una posizione competitiva in molte attività illegali".
Nel caso specifico di Castel Volturno, è stata accerta, precisa Salvini, l’esistenza di rapporti strutturati tra gruppi criminali nigeriani e criminalità camorristica italiana, soprattutto nel traffico di droga.
Posso assicurare, conclude Salvini che nei confronti della mafia nigeriana vi è una costante attenzione da parte delle forze dell’ordine, che si è tradotta negli ultimi mesi in diversi interventi di polizia giudiziaria che hanno riguardato diverse regioni e specificamente proprio Castelvolturno e la provincia di Caserta, che oggi è oggetto di particolare attenzione".

Commenti

Post popolari in questo blog

Trieste, foibe: Salvini il 10 febbraio a Basovizza

Migranti, Bongiorno (Lega): “Basta col buonismo di sinistra,con Salvini è finita l’epoca dei radical chic"

Marine Le Pen: con Matteo Salvini un asse franco italiano per cambiare l'Europa