Teramo, contestato ed insultato Matteo Salvini. Gli antagonisti cantano Bella Ciao

Una cinquantina di militanti di Potere al popolo e del variegato mondo della sinistra antagonista riuniti sotto la sigla  Teramo Antifascista ha contestato il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, in visita a Teramo nella due giorni abruzzese per sostenere i candidati della Lega alle prossime regionali. Al canto del classico canto popolare "Bella ciao" e urlando "siamo tutti antifascisti"e siamo tutti terroni il gruppetto ha tentato di avvicinarsi al corteo di auto del vicepremier in visita privata al vescovo di Teramo dopo aver incontrato i cittadini.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Trieste, foibe: Salvini il 10 febbraio a Basovizza

Migranti, Bongiorno (Lega): “Basta col buonismo di sinistra,con Salvini è finita l’epoca dei radical chic"

Marine Le Pen: con Matteo Salvini un asse franco italiano per cambiare l'Europa