I consigli dello sceriffo Gentilini: caro Matteo,divorzia.La Lega con i Cinque Stelle non c'entra niente.

Giancarlo Gentilini, 88 anni, leghista della prima ora, già sindaco sceriffo, candidato per amore della sua Treviso alle prossime elezioni amministrative di domenica 26 e lunedì 27 maggio 2018 con i punti fermi di una vita: Dio, patria, famiglia, ordine, disciplina, rispetto delle leggi, prima gli italiani, in passato solo i padani, poi eventualmente gli altri, sovranista ante litteram consiglia al leader Matteo Salvini un divorzio dal Movimento Cinque Stelle, ritornando quindi ad una classe alleanza di centro destra con Silvio Berlusconi e Fratelli d'Italia nel corso di una intervista rilasciata al collega Carmelo Caruso dalle pagine de Il Giornale.
Intervista che riportiamo per intero.


Sovranista prima dei sovranisti. In questi giorni in cui il Carroccio sta smarrendo l'identità, è utile ascoltare lo «sceriffo» di Treviso, Giancarlo Gentilini. Dal 1994 al 2014 sindaco e vicesindaco ininterrottamente. Se Donald Trump è presidente degli Usa il merito è più suo che di Steve Bannon, («Ha vinto con le mie ricette»).

Lo diciamo subito, per noi rimane sindaco per sempre.«Su Treviso ho esercitato una dittatura democratica ma adesso si è conclusa».

La voce è quella antica.«Mi muovo, parlo con la base. Ho 89 anni. Sempre presente quando c'è da spiegare l'azione della Lega. Ho dato tanto a questo partito».

La Lega, ultimamente, non sembra più la stessa. Ne conviene?
«Colpa di quel matrimonio innaturale. Ci sono matrimoni che vanno interrotti prima che sia troppo tardi. Matrimoni che non andrebbero mai celebrati».

Veniamo alla legittima difesa. Norma bandiera della Lega.
«Il vangelo secondo Gentilini è: Se entri in casa, io ti buco; Ogni cittadino è un corpo di guardia armato in casa. La proprietà privata va tutelata».

E infatti la Lega ha promosso la legge sulla legittima difesa ma...
«Ma la legge è troppo tiepida. La discrezione di decidere se la difesa è legittima rimane sempre al magistrato. La legge non deve essere interpretata da nessuno. Niente magistrati. Solo legge».

In verità, la Lega ha dovuto rimetterla nel cassetto per fare una cortesia a Di Maio.
«C'è solo Salvini a combattere come un leone. L'unico. Ma lo boicottano quelli là...»

E però, con quelli là, ci rimane al governo, anzi, non vuole sapere di rompere.
«Io mi chiedo: che c'entriamo noi con quelli?».

La vecchia destra è spaesata, non vi riconosce più.
«Noi siamo Dio, patria, famiglia».E anche ordine, disciplina e rispetto.

«Vedo che ormai il vangelo secondo Gentilini è testo sacro».

Avanza il vangelo di Di Maio: assunzioni pubbliche, manette e reddito di cittadinanza.
«L'attesa è finita. La Lega nei territori sta battendo i piedi. La base non vuole questa alleanza. I leader si devono rendere conto che noi dobbiamo stare dove siamo sempre stati».

Ci dia la posizione, ci faccia da navigator.
«Ma è ovvio. Noi siamo destra e dobbiamo stare a destra. Nel vecchio centrodestra con Silvio Berlusconi, con Giorgia Meloni. Dobbiamo fare ritorno a casa. Io mi faccio sentire spesso con i maggiorenti».

Ma in questi tempi social i giovani non ascoltano.
«Sono un uomo di esperienza che ne ha viste tante. Ho combattuto i comunisti trinariciuti».

Oggi un nuovo fantasma si aggira in Italia, anzi, lo possiamo dire. In Europa: il grillismo.
«Io neppure so chi siano. Che hanno fatto nella vita?».

Bloccano le grandi opere, ostacolano la piccola e laboriosa iniziativa degli imprenditori che infatti sono in rivolta. Anche contro di voi.
«Così non va. Vedo troppi cantieri fermi, troppe opere bloccate. Si frena un Paese in questo modo. Ma io queste cose le dico anche a Salvini».

Ma lui si è invaghito di Di Maio. Gli ha promesso un sentimento durevole.
«Ma chi è Di Maio? Uno uscito dal nulla. Questi qua non hanno né arte e né parte. Come Lega stiamo soffrendo. Anche sull'autonomia dobbiamo tornare a farci sentire».

Mai come oggi, in politica, l'istituto del divorzio è in crisi.
«Ma ci sono momenti in cui si deve. Rompiamo con questi qua e torniamo al voto. Sfondiamo dappertutto. Sud, Nord, Centro. Salvini, sveglia!».

È un ordine dello sceriffo?
«Dittatore. Democratico».

Commenti

Post popolari in questo blog

Bibbiano, il democratico Delrio: Salvini specula su bimbi per distrarre l'opinione pubblica

Sea Watch. De Luca da parlamentari Pd atto di ottusità politica: chi viola le leggi deve essere arrestato

Romano Prodi ministro dell'immigrazione? Arriva un no secco da Salvini