Napoli, blitz al rione Sanità: 30 arresti. Per Salvini la giornata comincia bene


I carabinieri del comando provinciale di Napoli hanno arrestato alle prime ore di lunedì 18 febbraio circa 30 persone ritenute affiliate al clan camorristico dei Sequino nel Rione Sanità di Napoli che si contende il predominio sugli affari illeciti con il clan Vastarella anche attraverso l'utilizzo delle stese, i raid con colpi di pistola esplosi a scopo intimidatorio nelle zone di appanaggio della cosca rivale.
Le ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip di Napoli sono due: gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, estorsione, porto abusivo di armi e spaccio di stupefacenti. Tutti i reati sono aggravati da finalità e metodo mafiosi.
Secondo quanto emerso dalle indagini la guida del clan Sequino è sempre rimasta nella mani dei capi storici Salvatore e Nicola Sequino, che davano gli ordini agli affiliati anche dal carcere, approfittando dei colloqui.
Fin qui la dura e cruda cronaca nera che ha come sfondo il quartiere della Sanità di Napoli, ma l'arresto di circa 30 persone ritenute affiliate ad un clan camorristico non poteva non avere ripercussioni politiche.
Infatti a commentare questa notizia è il ministro dell'Interno nonché leader della Lega Matteo Salvini che ha dichiarato: " i «I carabinieri del comando provinciale di Napoli hanno arrestato una trentina di persone ritenute affiliate al clan camorristico dei Sequino. È una buona notizia, che fa cominciare bene la giornata. Grazie alle Forze dell'Ordine». 

Commenti

Post popolari in questo blog

Sea Watch. De Luca da parlamentari Pd atto di ottusità politica: chi viola le leggi deve essere arrestato

Bibbiano, il democratico Delrio: Salvini specula su bimbi per distrarre l'opinione pubblica

Migranti, Casarini: “Torniamo in mare battendo bandiera italiana”. Calderoli(Lega) Casarini rischia la galera, buona crociera