Ma sparati: il commento shock del presidente della provincia di Salerno Strianese al ministro Salvini


Michele Strianese, sindaco di San Valentino Torio e presidente della Provincia di Salerno commenta con un "ma sparati" parole davvero forti e fuori luogo per una figura istituzionale un post pubblicato su Facebook del ministero dell'Interno nonché leader della Lega Matteo Salvini.
A pubblicare l'infelice uscita del presidente della provincia di Salerno è la federazione salernitana della Lega che ha reso noto il commento, scatenando infinite polemiche politiche.
Immediata è arrivata la precisazione del diretto interessato che ha dichiarato: tanto clamore per nulla. Non ho scritto io sotto il post di Salvini. Purtroppo, spiega Strianese , il mio profilo personale non è utilizzato soltanto da me, ma anche da familiari e collaboratori. Inoltre io firmo sempre con nome e cognome i miei post o i commenti, sia che vengono fatti con il profilo personale, che con quello istituzionale del Comune o della Provincia. Oggi sinceramente ero impegnato per le primarie del Pd. Avevo altro a cui pensare. Ovviamente mi scuso per il malinteso. Anche se non condivido nulla del politico Salvini e dei suoi modi di esprimersi, ho rispetto per quello che rappresenta dal punto di vista istituzionale”.“

Immigrati, Strianese contro Salvini 4 marzo 2019
„: "Tanto clamore per nulla. Non ho scritto io sotto il post di Salvini. Purtroppo - spiega Strianese - il mio profilo personale non è utilizzato soltanto da me, ma anche da familiari e collaboratori. Inoltre io firmo sempre con nome e cognome i miei post o i commenti, sia che vengono fatti con il profilo personale, che con quello istituzionale del Comune o della Provincia. Oggi sinceramente ero impegnato per le primarie del Pd. Avevo altro a cui pensare. Ovviamente mi scuso per il malinteso. Anche se non condivido nulla del politico Salvini e dei suoi modi di esprimersi, ho rispetto per quello che rappresenta dal punto di vista istituzionale”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Trieste, foibe: Salvini il 10 febbraio a Basovizza

Migranti, Bongiorno (Lega): “Basta col buonismo di sinistra,con Salvini è finita l’epoca dei radical chic"

Marine Le Pen: con Matteo Salvini un asse franco italiano per cambiare l'Europa