Regionali Basilicata, Toti nonostante Berlusconi Forza Italia continua a perdere consensi

"La voglia di centrodestra che soffia nel Paese premia gli amici della Lega e Fratelli d’Italia, due partiti che hanno intrapreso un coraggioso percorso di rinnovamento".
Così commenta  sul principale social network il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, consigliere politico di Silvio Berlusconi,la vittoria di Vito Bardi in Basilicata.
 "Ancora una volta, nonostante il generoso sforzo del presidente Berlusconi, al quale ho ribadito stima e affetto al telefono augurandogli pronta guarigione, Forza Italia e’ l’unico partito a perdere consenso, scendendo, mentre scrivo questo post, al di sotto del 9%, 3 punti sotto il risultato di un anno fa alle politiche".
Toti sottolinea ancora la scarsa "performance" di FI, "nonostante il candidato governatore fosse espressione proprio di Forza Italia"
 "Dopo le politiche dello scorso anno, dopo l’Abruzzo e la Sardegna, anche in Basilicata chi ha saputo interpretare un centrodestra nuovo e diverso viene premiato, chi ha scelto l’auto-conservazione punito" sottolinea il presidente della Regione Liguria. "Tanti dirigenti apicali di Forza Italia, impegnati a far finta che tutto vada bene, mentre spesso va bene solo a loro, oggi addirittura esultano, cosa che a me pare surreale", prosegue Toti.
 "So che mi giudicheranno il solito rompiballe guastafeste, una festa tutta loro pero’, perche’ so anche che tanti amministratori, sindaci, consiglieri regionali, parlamentari la pensano come me e vorrebbero qualcosa di nuovo e coraggioso. E che, come me, non si rassegnano a vedere un movimento politico che dovrebbe rappresentare i liberali, i riformisti, i cattolici, il mondo che lavora, produce, si impegna e vuol far crescere questo Paese, scivolare verso l’irrilevanza politica. Insieme possiamo fare di piu’ e meglio".

Commenti

Post popolari in questo blog

Trieste, foibe: Salvini il 10 febbraio a Basovizza

Migranti, Bongiorno (Lega): “Basta col buonismo di sinistra,con Salvini è finita l’epoca dei radical chic"

Marine Le Pen: con Matteo Salvini un asse franco italiano per cambiare l'Europa