Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2019

Castrazione chimica, Matteo Salvini annuncia una raccolta firme della Lega nel prossimo week-end

Immagine
"E' ora di far sentire la voce dei cittadini", scrive Salvini anche sul suo profilo Twitter. "Per pedofili e stupratori galera e castrazione chimica! Questo fine settimana vieni a firmare la proposta di legge della Lega nelle piazze di tutta Italia, cosi' il Parlamento non potra' far finta di nulla!".
Matteo Salvini, con questo annuncio, pubblicato sul proprio profilo Twitter insiste sulla questione castrazione chimica per pedofili e stupratori annunciando una raccolta di firme in tutte le piazze d'Italia per il prossimo fine settimana.
I militanti del Carroccio raccoglieranno firme a sostegno di una proposto di legge per introdurre la castrazione chimica, oltre al carcere, per curare pedofili e stupratori



Mogoro, insulti e minacce su un muro contro la Lega ed il governatore Solinas

Immagine
Il deputato e segretario regionale della Lega in Sardegna, Eugenio Zoffili, ha presentato un esposto denuncia per le scritte minacciose, apparse a Mogoro comune di poco più di 4 mila abitanti della provincia di Oristano verso il suo partito  e gli insulti contro il neo governatore sardo Christian Solinas, segretario del  Partito Sardo d’Azione, alleato proprio della Lega.
"Indecenti minacce di pochi violenti cretini che non fermeranno certo la forza delle idee e la voglia di cambiamento di migliaia di sardi perbene,osserva Zoffili, tuttavia non sono segnali da sottovalutare. Nel frattempo mi aspetto al più
presto la solidarietà dei responsabili di tutti i partiti sardi, affinché si possa delimitare un perimetro condiviso di valori democratici che non lasciano spazio a provocazioni o attenuanti di certi ignobili gesti

Tajani(Forza Italia) da alcuni leghisti sento sciocchezze sull'Euro

Immagine
"In Italia cresce il numero dei favorevoli all'Europa. La stragrande maggioranza degli italiani è contro l'uscita dall'Euro, anche se ci sono dei candidati che dicono sciocchezze in questa campagna elettorale e che sono a sostegno dell'uscita dall'Euro.
Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Antonio Tajani, presidente del Parlamento Europeo e candidato capolista di Forza Italia nel collegio Centro alle prossime elezioni europee previste per domenica 26 maggio nel corso di un intervento a Radio anch'io la trasmissione radiofonica di Rai Radio 1.
Tajani spiega di riferirsi "ad alcuni candidati che sono nelle liste della Lega. Sono nostri alleati per la politica nazionale ma noi siamo diversi. Forza Italia è diversa sia dalla Lega che da Fratelli d’Italia. Noi siamo saldamente all'interno del
Partito popolare europeo. Non condividiamo le scelte che la Lega sta facendo con il Movimento Cinque Stel…

L'avvertimento di Zaia: se salta l'autonomia cade il governo

Immagine
"Se saltasse l’autonomia verrebbe meno uno dei pilastri fondamentali del contratto di governo firmato da Lega e M5s. Chiunque puo’ immaginare le conseguenze". E’ l’avvertimento lanciato dal governatore del Veneto, Luca Zaia, che, in una intervista al Corriere della Sera, spiega: "Non voglio fare la guerra a nessuno e tantomeno mi auguro che il governo vada a casa. Su questo mi fido ciecamente del nostro
segretario Matteo Salvini che ha posto il problema politico al M5s. Ma non c’e’ piu’ tempo da perdere".
 Quindi l’avvertimento ai 5 stelle: deve essere chiaro che se salta la riforma
dell’autonomia "si tradisce la volonta’ dei cittadini, non di
Zaia e Salvini. E cio’ sarebbe piu’ grave per chi, richiamandosi a Rousseau, vuole che il popolo sia protagonista del suo destino. Rischiano di fare il contrario".

Torino: danno del fascista a Salvini: denunciate due militanti di Askatasuna

Immagine
Due giovani donne, militanti del Centro Sociale Askatasuna di Torino che hanno contestato lo scorso sabato sera il vice premier nonché ministro dell'interno nel corso di un comizio elettorale in piazza Carlo Alberto.
Le due militanti della sinistra antagonista avrebbero dato del "fascista" al ministro dell' Interno. L’ipotesi di reato e' l’oltraggio a corpo politico.

Violenza sessuale: per Salvini la galera non basta, ci vuole la castrazione chimica

Immagine
Nessuna tolleranza per pedofili e stupratori: la galera non basta, ci vuole anche una cura. Chiama
tela castrazione chimica o blocco androgenico, la sostanza e’ che chiederemo l’immediata discussione alla Camera della nostra proposta di legge, ferma da troppo tempo, per
intervenire su questi soggetti. Chiunque essi siano, bianchi o neri, giovani o anziani, vanno puniti e curati". 
Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate dal ministro dell'Interno nonché vice premier del governo Conte Matteo Salvini, commentando quanto successo a Viterbo dove una donna, di nazionalità italiana, di anni 36 sarebbe stata vittima di violenza sessuale da parte di due persone.





Pozzuoli, antagonisti mettono in fuga giovani della Lega

Immagine
Mattinata di tensione a Pozzuoli, popoloso comune della città metropolitana di Napoli. In piazza della Repubblica era previsto un gazebo di Lega giovani, il movimento giovanile del Carroccio, organizzazione da poche settimane presente nella città flegrea, con inizio alle ore 10,00.
L'aria si è riscaldata subito con l'arrivo di un nutrito di militanti della sinistra antagonista.
"L'area flegrea non si Lega, questo era il testo di uno striscione degli antagonisti che hanno insultato e cercato di allontanare i pacifici militanti leghisti che volevano distribuire materiale propagandistico.
La polizia, celermente intervenuta sul posto, ha evitato contatti fisici tra antagonisti e giovani leghisti che hanno smantellato il gazebo e scortati dalla polizia sono andati via.
Fin qui, la dura e cruda cronaca di una giornata caratterizzata dall'intolleranza politica degli antagonisti nei confronti dei giovani leghisti ma che sicuramente avrà ripercussioni politiche.
A condannare l&…

Matteo Adinolfi(Lega): ribadisco l'estraneità mia e del partito ad ogni rapporto con i clan rom di Latina

Immagine
"Ribadisco la mia totale estraneità come quella di tutto il partito della Lega, all'epoca Noi Con Salvini, ad ogni rapporto con i clan rom Di Silvio Ciarelli per la compravendita di voti. Né tanto meno il sottoscritto ha mai avuto rapporti con tali personaggi, meno che meno affidandogli personalmente l'affissione dei manifesti elettorali nel 2016.La  mia storia politica e personale e’ quanto di piu’ lontano dalla  mafia e dalla criminalità: lo ribadisco oggi e lo ribadirò in  futuro senza tema di smentite".
Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Matteo Adinolfi, coordinatore provinciale della Lega a Latino, in merito a notizie di stampa sull'inchiesta della magistratura pontina.
L'esponente leghista infine dichiara: in riferimento alle dichiarazione dei penti del  clan Rom Di Silvio-Ciarelli sui presunti legami con lapolitica di Latina. sottolineo che il mio nome non appareaffatto nelle dichiarazioni di Ag…

Crippa(Lega) dopo le Europee al governo Conte servirà un tagliando

Immagine
"Un sacco di elettori si sta spostando verso di noi, non possiamo permetterci di deluderli. Per questo dopo le Europee è necessario dare risposte". Parole chiare, dirette, che non lasciano spazio ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate dall'onorevole Andrea Crippa, segretario della Lega giovani nel corso di una intervista rilasciata al Corriere della Sera, il principale quotidiano italiano. Dopo le elezioni di domenica 26, sostiene l'esponente leghista, un tagliando del governo sarà utile al fine di dare risposte non assistenzialiste ma che consentano ai giovani di non andarsene dal bel paese: meno tasse, più lavoro, più infrastrutture.
In caso di caduta dell'esecutivo, ipotesi da non sottovalutare, l'unica possibilità è il ritorno, in tempi brevi, al voto.
Infatti, secondo Crippa, non è più tempo di governi sostenuti dai cambia casacca. Circa il centro destra o quel che resta del centro destra, se dovessimo tornare alle urne, sostiene Crippa, sarebbe dif…

Mazara del Vallo: i maghrebini antisbarchi votano la Lega

Immagine
Venerdì sera il leader del Carroccio ha chiuso la campagna elettorale per le comunali siciliane a Mazara del Vallo ed è stato accolto da oltre diecimila persone. Il ministro dell'interno ha fatto breccia a che fra gli ex extracomunitari. La comunità più vasta presente in città d' quella dei tunisini e tra loro ci sono tanti pescatori che ieri sera( venerdi) erano lì a sostenere le sue idee.
Tra questi magrebini anti sbarchi c'è Ferhat Mohamed che vive da 30 anni in Sicilia e fa il pescatore a Mazara del Vallo nel cuore della provincia di Trapani.
Mohamed non ha dubbi sulla Lega: " è  giusto respingere chi è irregolare.Salvini dice cose giuste. Chi viene in Italia per spacciare e fare rapine deve andare via. A me non fa paura Salvini, io e la mia famiglia lo votiamo".

Fonte Libero di domenica 28 aprile

Torino, ragazza da del fascista a Salvini.Lui risponde:ti voglio bene

Immagine
"Nel 2019 con la falce e con il martello, ma come si fa ad essere così  tristi!".
Parole chiare dirette che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna quelle pronunciate da Matteo Salvini, a Torino per aprire la campagna elettorale della Lega in Piemonte rispondendo dal palco allestito in piazza San Carlo ad una ragazza che gli da del fascista. "Ti voglio bene", aggiunge il leader del Carroccio."Siamo e rimarremo in democrazia, non torneranno né  fascismo ne'nazismo ne' comunismo . Mi piacerebbe solo ci fosse rispetto: mamma e papà, ricorda Salvini  mi hanno insegnato che, quando qualcuno parla, si ascolta in silenzio. Per effetto di questo governo da settembre torna l’educazione civica come materia di studio. Cosi
se c’e' qualche genitore distratto, insegniamo l’educazione ai
ragazzi a scuola".
Salvini è  poi tornato sul concetto di democrazia raccontando di un giornalista tedesco che, in occasione di un suo comizio,gli ha chiesto se riti…

Elezioni politiche in Spagna: Psoe in testa nei sondaggi, l'ascesa di Vox che vola oltre il 10%

Immagine
Domani i cittadini spagnoli saranno chiamati al voto in un paese fortemente polarizzato. Sono le terze elezioni politiche negli ultimi quattro anni, che dovranno scongiurare l’ingovernabilità che rischia un Congresso diviso in due grandi blocchi: da un lato, i socialisti del Psoe e la sinistra radicale di Podemos, e

dall’altro, il Partito Popolare, Ciudadanos e Vox. E quindi i voti dei partiti regionali catalani e baschi potrebbero rivelarsi fondamentali.

In testa a tutti i sondaggi e’ il premier socialista, Pedro Sanchez, che pero’ teme l’ascesa dell’estrema destra, che ha rivoluzionato il panorama politico del Paese e con il quale i conservatori ora si sono detti pronti a governare. Assolutamente marginale nella politica spagnola dopo la fine della dittatura di Francisco Franco nel 1975, l’estrema destra potrebbe entrare nel Congresso con il partito Vox, praticamente sconosciuto fino a un anno fa e che ha fatto irruzione nella scena politica spagnola a dicembre, alle elezioni region…

Le parole di Macron non convincono: Gilet gialli oggi di nuovo in piazza

Immagine
Dopo 3 mesi di Grande dibattito nazionale, le conclusioni annunciate ieri da Emmanuel Macron all’Eliseo non hanno convinto affatto i leader dei gilet gialli,
determinati più  che mai a mantenere la pressione sul governo.
Domani sono state confermate per il cosiddetto " ventiquattresimo  atto
della protesta", manifestazioni a Parigi e a Strasburgo. Per il 1 maggio, in programma una grande mobilitazione nazionale.
"E’ stato soltanto un blabla", ha ironizzato Eric Drouet, che un paio di giorni fa aveva detto di voler concludere la sua esperienza di attivista. Maxime Nicolle, su Facebook, ha fatto sapere che la conferenza stampa di Macron è  stata "la peggior cortina fumogena di tutta la politica", aggiungendo poi che il presidente "non ha ascoltato quello che diciamo da 5 mesi nelle piazze".


25 aprile, lo sfogo di Gino Strada: Salvini è un fascista.Spero che si tolga dalle palle

Immagine
A Milano una marcia di oltre 70 mila persone è sfilata per tutta la città per la grande manifestazione del 25 aprile. Una città, Milano, che ha saputo dare una grande risposta democratica e popolare, sostiene Roberto Cenati , presidente lombardo dell'associazione nazionale partigiani d'Italia. Dal palco della manifestazione, a fare gli onori di casa, il sindaco Beppe Sala che ha dichiarato: "Milano farà sempre la sua parte perché siamo chiamati al dovere di essere la città più antifascista d'Italia.
Tra i presenti al corteo del 25 aprile non poteva non mancare Gino Strada, fondatore di Emergency che ai microfoni di una nota web tv ha dichiarato: e' importante festeggiare il 25 aprile visto che al Governo ci sono i fascisti. Alla domanda fatta da un collega su cosa pensasse di Salvini Gino Strada così ha risposto, di Salvini  non penso nulla, spero presto che si tolga dai coglioni.

25 aprile Pascucci(Italia in Comune): è normale che non festeggi chi invoca la secessione padana

Immagine
"L’antifascismo non è e non può essere un valore esclusivo di una parte politica: esso è un pilastro della nostra democrazia e appartiene a tutti i cittadini. Nessuno escluso. Dirò di più: coloro che non si ritrovano in questi valori non sono Italiani. Non deve stupire quindi che gli unici a non festeggiare  siano quelli che ancora oggi nello statuto del proprio partito invocano la secessione padana".  Parole chiare dirette che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna quelle pronunciate da  Alessio Pascucci, coordinatore nazionale di Italia in Comune. "Proprio l'altro ieri a Milano in Piazzale Loreto alcuni neofascisti, inneggiando al Duce hanno esposto uno striscione con la scritta “Onore a Benito Mussolini” e l’hanno accompagnato con saluti romani. Un gesto non condannato dal ministro dell'interno che del resto il 29 luglio 2018, in occasione dell’anniversario della nascita del Duce, scriveva sui social molti nemici molto onore", prosegue Pascucci. &…

Virginia Raggi tende la mano a Salvini: basta guerre su Roma Capitale

Immagine
La politica è stata anni ostaggio della criminalità. Quasi sempre ha preferito girarsi dall’altra parte e molto spesso ha deciso di farci affari? A Roma abbiamo detto basta, abbiamo sfidato i clan, abbiamo abbattuto otto villette dei Casamonica. È stato una spallata al muro di omertà. Lo Stato finalmente ha detto ’qui ci sono io’ e i cittadini hanno capito. E, insieme a noi, hanno detto basta Mafia capitale, basta connivenze tra la politica e un sistema malavitoso".
Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Virginia Raggi sindaco di Roma nel corso di una lunga intervista rilasciata al quotidiano cattolico Avvenire nel corso della quale parla della sua guerra a Mafia Capitale e chiama Matteo Salvini cercando di mettere fine allo scontro politico in atto su Roma Capitale.
E' suo dovere, ricorda Virginia Raggi, stare al fianco  di ogni sindaco nelle battaglie per la legalità. Ora voltiamo pagina. Roma smetta di essere un campo …

Salvini: se processato mi presenterò ai giudici a testa alta

Immagine
Di solito i ministri venivano processati perché rubavano, io perché ho bloccato gli sbarchi dei clandestini. Se dovessi essere processato, mi presenterò a  testa alta perchè l’ho fatto per difendere la sicurezza di 60 milioni di italiani e lo rifarò ancora".
Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate dal ministro dell'Interno nonchè vice premier del governo Conte Matteo Salvini a Monreale, intervenendo dal palco allestito in occasione delle amministrative previste per domenica 28 aprile.
In Italia ed in Sicilia, si arriva se si ha il permesso di arrivare - ha proseguito - siamotornati un Paese che fa rispettare le regole e si fa rispettare
in Europa e nel mondo, anche perche’ grazie ai soldi risparmiati cominceranno a lavorare in Italia 8 mila nuovi poliziotti, carabinieri, vigili del fuoco.
 C’e’ qualche nostalgico degli sbarchi, conclude Salvini, ma sappiamo che abbiamo tolto un business da 5 miliardi su cui mangiava qualcuno e …

Il 25 aprile di Salvini: a Corleone per combattere la mafia

Immagine
"Ho fatto bene a venire a Corleone. Avrei potute fare scelte piu' comode ma un ministro va dove c'
e’ più bisogno". Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Matteo Salvini, ministro dell'Interno del governo Conte a Corleone, comune di poco più di 11 mila abitanti della città metropolitana di Palermo per inaugurare il commissariato di polizia. Ho scelto di stare qui, in trincea, , per onorare quanti stanno in divisa - ha aggiunto - e anche coloro che non sono in divisa. La mafia non vince. Liberare Corleone e l’Italia, perche’ Corleone, la Sicilia e l’Italia non sono mafia: gli italiani la sconfiggono la mafia"

Fico, 25 aprile Salvini sbaglia a disertare: ringrazi i partigiani se è ministro

Immagine
Quella del leader leghista Matteo Salvini sul 25 aprile "e’ una lettura assolutamente sbagliata e fuorviante".
Parole chiare dirette che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna quelle pronunciate da Roberto Fico presidente della Camera dei Deputati, nel corso di una intervista rilasciata a Il Fatto quotidiano.
Noi, precisa Fico, celebriamo il 25 aprile, giorno della Liberazione che permette a tutti i ministri di stare democraticamente al Governo.
"Il 25 aprile, ricorda Fico,non può essere di parte, perche’ celebra il ritorno alla democrazia. E non può appartenere a pochi. Se tutti oggi possono parlare liberamente e’ perchè siamo usciti da una terribile dittatura".

Fino Mornasco vandalizzata la sede della Lega. Molteni: non ci faremo intimidire

Immagine
"Questa notte a Fino Mornasco, comune di quasi diecimila abitanti della provincia  (in Provincia di Como, dei vigliacchi criminali hanno assaltato a colpi di piccone e sfasciato la vetrina della sede della Lega. Un atto gravissimo e infame.
Parole chiare dirette che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna quelle pronunciate da Nicola Molteni,sottosegretario all'interno che dichiara:  questi vigliacchi se pensano di intimidirci hanno sbagliato alla grande, noi andiamo avanti piu’ forti di prima forti delle nostre idee.
 "Solidarieta’ ai militanti e sostenitori della sezione cittadina, conclude Molteni, che da anni con forza e coraggio portano avanti in modo democratico e civile il pensiero della Lega e di Matteo Salvini.

Vernice rossa su sede Lega di Bergamo: scritte offensive contro Salvini

Immagine
Nella notte tra martedì 23 e mercoledì 24 aprile è stata imbrattata con vernice di colore rosso, la sede del candidato sindaco per la coalizione di centro destra Giacomo Stucchi, esponente della Lega, a Bergamo. Sul marciapiede è stata tracciata la scritta "Salvini muori".
All'inaugurazione del quartier generale del candidato sindaco, in programma per oggi è prevista la presenza del Ministro dell'Interno nonché leader indiscusso della Lega Matteo Salvini che ha confermato la sua presenza.
"E' un grave e vile atto vandalico, ha commentato Stucchi su Facebook . Se qualcuno pensa di spaventarci o intimidirci sta sbagliando, perché andremo avanti come prima, più forti di prima. In democrazia vincono le idee non la violenza".
"Vigliacchi, violenti, penosi nazisti rossi, spero vi prendano. Più ci attaccate, più ci date forza", ha commentato, da parte sua, Salvini su Facebook.

Pascucci(Italia in Comune) da Salvini norme ad hoc per salvare CasaPound

Immagine
"Nella Capitale da oltre 15 anni esiste un immobile in pieno centro a pochissimi metri dal Viminale che è occupato illegalmente da CasaPound che, a spese
di tutti gli italiani, utilizza il palazzo del demanio come sede di un partito politico che partecipa alle elezioni e fa campagna elettorale nella piena illegalità ".
Parole chiare, dirette, che non lasciano spazio ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Alessio Pascucci, coordinatore nazionale di Italia in Comune che ad agosto di un anno fa scrisse una lettera alla quale nessuno ha mai risposto, indirizzata al sindaco di Roma ed al prefetto per chiedere notizie circo lo sgombero della sede di CasaPound. Oggi leggiamo che il ministro Salvini ha fatto stilare un elenco di edifici da sgomberare individuando una serie di criteri fatti a posta per consentire ai suoi amici fascisti di continuare a fare politica e a lucrare su una sede che è un patrimonio di tutti gli italiani. Una situazione indegna che dimostra ancora una …

Roma: Molotov contro la sede della Lega. Zicchieri: non ci faremo intimidire

Immagine
Una molotov è stata scagliata nella tarda serata di lunedì 22 aprile contro la sede romana della Lega di via Alessandro Farnese, in zona Prati.
La bottiglia incendiaria non ha fatto danni anche perché il principio di incendio che si era innescato è stato sedato dalla pioggia caduta ieri sera sulla capitale.
Di "vile atto intimidatorio" parla Francesco Zicchieri, coordinatore regionale del partito e vicecapogruppo alla Camera dei Deputati del movimento guidato da Matteo Salvini. "Non ci sarà intimidazione che tiene” continua Zicchieri.
Sulla stessa linea Fabrizio Santori, dirigente regionale del partito, che ha dichiarato che "non saranno certo questi gesti a fermare la nostra attività quotidiana per la gente perbene. I vili autori del lancio della molotov sappiano che non ci fermeranno". Maurizio Politi, capogruppo leghista in Assemblea Capitolina ricorda, invece, come non sia la prima volta che le sedi della Lega siano state oggetto di atti intimidatori.
Sul caso…

Morisi, Calenda: "Episodio gravissimo. Uno scappellotto non guasterebbe"

Immagine
Morisi dovrebbe dimettersi. Quello che ha scritto nel tweet è¨ di una gravità  senza precedenti. Uno che scrive una cosa del genere e lavora per lo Stato viene
licenziato in tronco immediatamente": alla trasmissione radiofonica Circo Massimo, in onda su Radio Capital, Carlo Calenda, candidato alle elezioni europee nelle file del Partito Democratico commenta così il post sui social dello
spin doctor di Matteo Salvini, che a Pasqua ha pubblicato una foto in cui il ministro dell’interno imbraccia un mitra. 
"Uno scappellotto? Non guasterebbe", dice ancora l’ex ministro, riferendosi alla polemica social sugli "schiaffoni ai figli" che lo ha riguardato in prima persona.

Salva Roma, Salvini insiste: o si aiutano tutti i comuni d'Italia o nessuno

Immagine
Regali a qualcuno non ne facciamo. Non ci puo' essere un intervento salva-Raggi quando ci sono tanti comuni italiani in difficoltà e che hanno bisogno. O si aiutano tutti oppure non ci sono cittadini di serie A o di serie B, cosi’ come non ci sono sindaci di Serie A e di Serie B".
Parole chiare, dirette, che non lasciano spazio ad interpretazione alcuna quelle pronunciate dal ministro dell'Interno, nonché vice premier del Governo Conte Matteo Salvini al Gr 1 ai microfoni della conduttrice Paolina Meli.
Alla domanda: "Conferma il giudizio negativo sulla sindaca Raggi?" il Vicepremier ha risposto: "L’abbiamo sentita tutti la settimana scorsa. Ha detto: "La città e’ fuori controllo e i cittadini quando aprono la finestra vedono cacca". Quindi per carità’ non devono pagare i romani l'incapacità della loro amministrazione, pero’ regalare altri soldi non sarebbe la cosa migliore da fare".

L'appello di Toti a Forza Italia e Fratelli d'Italia: creiamo un nuovo soggetto politico alleato e non subalterno alla Lega

Immagine
"Forza Italia, Fratelli d'Italia tutte le liste civiche che sono uscite dai partiti e hanno una loro forza autonoma, i movimenti, le associazioni, i singoli, senza bisogno di tessere, partecipino a un’assemblea costituente subito dopo le Europee,
per arrivare a un confronto sulle idee e su regole che portino già  in autunno a primarie che aprano una sfida democratica". 
Per il governatore della Liguria Giovanni Toti, intervistato dal Corriere della Sera, "serve un nuovo atto fondativo, con idee innovative".
"Io sono amico di Salvini e con lui vorrei allearmi, ma restando competitivo e con una mia voce, non in posizione totalmente subalterna", e per farlo - afferma l’esponente di Forza Italia occorre "costruire qualcosa di completamente nuovo, non ristrutturare il vecchio. Azzerare le vecchie sigle, sciogliere contestualmente i marchi esistenti per confluire in un nuovo soggetto politico sul modello dei repubblicani e dei democratici americani".

Il grillino Pacetti: Salvini restituisca i 49 milioni che la Lega deve a tutti gli italiani

Immagine
Il ministro dell’Interno e’ un chiacchierone che non sa quel che dice. Parla di tutto senza capirci nulla. La smetta con la campagna elettorale e lavori un
po’. Gli chiariamo che, dopo decenni, i conti di Roma sono finalmente positivi grazie alla sindaca Raggi.
Parole chiare dirette che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna quelle pronunciate da Giuliano Pacetti, capogruppo del Movimento Cinque Stelle in Campidoglio.
 Si vede, dichiara l'esponente grillino, che Salvini con i numeri ha difficolta’ a capire, eppure gli e’ stato spiegato bene: il nostro Salva Italia taglia 2,5 miliardi
di interessi alle banche e li restituisce agli italiani. Lo hanno capito tutti".
"Comunque, conclude Pacetti , prima di parlare, restituisca
 i 49 milioni che la Lega Nord deve a tutti gli italiani al nord come al sud. Meno
felpe, piu’ fatti".


Salvini: non sarò io a far cadere il governo Conte

Immagine
"Non ci penso neanche. Ho, anzi abbiamo, ancora troppe cose da fare". Il ministro dell'interno nonché leader della Lega Matteo Salvini, intervistato da 
Quotidiano.net, esclude categoricamente l’intenzione di aprire una 
crisi di governo. 
"Mi auguro", aggiunge riferendosi agli alleati del Movimento Cinque Stelle "che qualcuno non voglia far saltare il tavolo per  meri interessi di partito.
Io", insiste il vicepremier, "non ho intenzione ne’ di andare a votare prima del previsto, ne’ di tornare al passato". 
Quanto alle provocazioni, aggiunge, "io non rispondo. E ai miei ho 
detto di fare altrettanto. Di abbassare i toni. Certo che se personaggi come Fico mi danno del fascista e del razzista...". Pero’, dice ancora Salvini, "per adesso porto pazienza".

La foto di Salvini con il mitra, lo sdegno di De Magistris: è delirio di onnipotenza

Immagine
Matteo Salvini è in preda ad un deliro di onnipotenza: si sente capo del governo, capo delle forze armate, capo della polizia, adesso vergognosamente impugna spavaldo un mitra, forse è davvero il capo.. ma di altro purtroppo... Chi indovina?
Questo è il simpatico indovinello, proposto su Twitter da Luigi De Magistris, sindaco di Napoli ed aspirante candidato governatore della Campania alle prossime elezioni regionali previste per la tarda primavera del 2020, commentando la foto pubblicato da Luca Morisi, il social media manager del ministro dell'interno nella quale si ammira un Salvini armato di mitra.

Picierno,(Pd): il social media manager di Salvini piu' che armarsi di elmetto si armi di cervello

Immagine
"Salvini prenda le distanze dal post che il suo social media manager ha pubblicato. Lo faccia immediatamente e con chiarezza. Il ministro dell’interno non può permettere che oggi si istighi alla violenza, specie sui social. Non c’e’ nessuna guerra in corso contro la lega, ne’ bisogno di armarsi con mitra ed elmetto".
Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Pina Picierno, europarlamentare uscente del Partito Democratico e candidata alle prossime europee di domenica 26 maggio nel collegio Sud.
Salvini, precisa Picierno, lo spieghi a Morisi. Lapolitica e’ fatta anche e soprattutto di critiche. E’ lademocrazia ed e’ ora che anche gli amici del ministro cheevidentemente non hanno chiaro il loro ruolo istituzionale,seppur pagati con soldi pubblici, inizino a portare rispettoverso i cittadini di questo Paese". 
"Morisi si vergogni,precisa Picierno,  e chieda scusa. Piu’ che armarsi di elmetto
consiglio vivamente di armar…

Salvini, Pasqua social col mitra: "Armati contro gli attacchi". Saviano: "Minaccia alla democrazia"

Immagine
Questa di Morisi, oltre a essere una grave minaccia alla nostra Democrazia, e’ istigazione a delinquere, reato procedibile d’ufficio. Ognuno di noi puo’ denunciare questo atto. Vi invito a farlo".
Dal suo profilo Facebook lo scrittore Roberto Saviano dice la sua sua su una foto del ministro dell'interno nonché leader della Lega Salvini con tanto di mitra, postata a sua volta su Facebook dallo spin doctor della lega Luca Morisi con un commento a seguire: : "Vi siete accorti che fanno di tutto per gettarefango sulla Lega? Si avvicinano le Europee e se ne inventerannodi ogni per fermare il Capitano. Ma noi siamo armati e dotatidi elmetto! Avanti tutta, Buona Pasqua!".

Romani(Forza Italia):la lega è una forza estremista che vuole cancellare Berlusconi

Immagine
E' assolutamente inverosimile che Salvini faccia cadere il governo per formarne un altro con noi di Forza Italia.
Parole chiare dirette che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna quelle pronunciate da Paolo Romani, senatore di Forza Italia intervistato dal Corriere della Sera.
Il leader della Lega ha deciso di continuare in questo esperimento di grande
coalizione anomala che gli da  solo vantaggi, essendo il padrone assoluto della comunicazione del nostro Paese e guadagnando voti sia dai partiti di centrodestra tradizionali sia dalla destra del M5S"
Il collante, secondo Romani e' il patto generazionale tra Salvini e Di Maio, che si regge sull’idea di cancellare tutto cio' che s' ’vecchio’ in nome del ’cambiamento’. L’uno ha trasformato la Lega in una forza di estrema destra che prevede la cancellazione di Berlusconi, l’altro il M5S in una sinistra con suggestioni
anti-sistema che fa fuori il renzismo.
E' un nuovo bipolarismo,secondo Romani, che si sostituisce …

Gilet Gialli ancora in piazza, scontri a Parigi: 190 fermi

Immagine
"Notre-Dame non siamo noi","Charity-Business = truffa": i gilet gialli tornano a Parigi,protestano contro la colletta miliardaria per la cattedrale incendiata, mantengono nel mirino Macron e il ritardo negliattesi annunci di riforme e ridanno fiato alla guerriglia che da Parigi era scomparsa dopo le devastazioni del 16 marzo. 
Nell'ennesimo sabato di mobilitazione dei gilet gialli ci sono stati scontri tra manifesti e forze dell'ordine in Place de La Republique. L'ordine di dispersione non è stato rispettato dai manifestanti. Squadre di agenti sono dovute intervenire al fine di evitare tentativi di saccheggio e danneggiamento. Infatti i casseur hanno spaccato alcune vetrine e svaligiato negozio, come nel caso di Mc Donald's e di Go Sport, negozio di articoli sportivi e un negozio di telefoni cellulari. Cassonetti sono stati dati alle fiamme, auto danneggiate ed oggetti lanciati contro gli agenti, che hanno risposto con lacrimogeni. Questo ventitreesim…

Borghezio: per fermare la Padania lo Stato infiltrò alcuni terroristi rossi nella Lega

Immagine
Mario Borghezio, leghista della prima ora, parlamentare europeo di lungo corso, clamorosamente escluso dalle liste della Lega per le elezioni europee di domenica 26 maggio racconta al collega Guido Ruotolo come ai tempi della secessione, al fine di fermare l'avanzata della Padania, lo Stato infiltrò nella Lega, a quei tempi autonomista e secessionista, alcuni terroristi rossi.
Un interessante articolo pubblicato sul sito di Michele Santoro arricchito da una video intervista che potete vedere cliccando qui


Avevano capito che l’ipotesi di uno sconvolgimento nazionale con la creazione di uno Stato indipendente al nord era seria, ed ebbero la simpatica idea di approfittarne per creare un movimento analogo al sud pilotato della mafia. Ma quella gente con noi non c’entrava nulla”. Militante della prima ora e parlamentare leghista di lungo corso, oggi fuori dalle liste per il parlamento europeo per la prima volta da 18 anni a questa parte, Mario Borghezio racconta a Guido Ruotolo della Leg…

Marine Le Pen: con Matteo Salvini cambieremo l'Unione Europea

Immagine
Vincero'  le elezioni e insieme a Matteo Salvini cambieremo l’Unione europea. Parole chiare dirette che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna quelle pronunciate da Marine Le Pen nel corso di una intervista rilasciata al quotidiano La Repubblica . Le Pen spiega che "fino a poco tempo fa eravamo isolati. La scelta era tra sottometterci all’Unione europea, o lasciarla.Ora sono emersi movimenti politici che condividono la nostravisione, alcuni di loro sono addirittura al potere come in Italia. Quindi esiste l’opportunita' torica di trasformare l’Ue dall’interno". E sull’unione dei sovranisti aggiunge: "Abbiamo incaricato Matteo Salvini di avviare i contatti necessari per costituire il gruppo piu' grande possibile. Ci sta lavorando. Il risultato finale lo conosceremo solo dopo il voto, quando si passera'  alla conta". Ma Rassemblement National rischia di essere sotto quel 25% registrato alle europee del 2014. Rispetto a cinque anni fa si e' a…

Dal borgo di Fiumefreddo parte l'avventura del Talebano Sofo, direzione Bruxelles

Immagine
Depurare il mare e la politica in Calabria. Questo è il tema forte del primo incontro elettorale che vedrà protagonista a Fiumefreddo Bruzio, nel basso tirreno, in provincia di Cosenza, Vincenzo Sofo, ideatore de Il Talebano, candidato per la Lega nel collegio meridionale.
Un incontro previsto per sabato 20 aprile con inizio alle ore 18,00 al quale parteciperà anche Galimberti, il candidato sindaco della Lega per le prossime comunali.
La scelta del borgo cosentino, uno dei più belli d'Italia, non è casuale: al contrario vuole essere il segnale di una nuova politica, attenta al territorio e alle sue esigenze, alle piccole comunità e alla loro identità.
"La mia candidatura alle Europee", spiega infatti lo stesso Sofo, "servirà a portare a Bruxelles la voce di una terra, quella meridionale e calabrese, che più di tutte ha subito e sta subendo le storture delle politiche comunitarie. Una terra fatta di borghi e paesi desertificati dalla ripresa massiccia dell'emigr…

Salvini: stop al Salva Roma. Virginia Raggi non è in grado di governare

Immagine
Continua, senza sosta e senza tregua, la polemica tra la Lega e l'amministrazione di Virginia Raggi. Una polemica che si alza di livello, giorno dopo giorno, coinvolgendo anche il cosiddetto Salva Roma, l'insieme delle norme del governo che intervengono sul debito storico della Capitale, permetterebbero al primo cittadino di avere maggiore agibilità economica.
"Il Salva Roma non ci convince perché il sindaco non ha dato alcuna reale prospettiva di sviluppo della città. Il governo è disposto ad aiutare Roma, la Lega in primis, ma il problema vero è che in tre anni il Movimento Cinque Stelle non ha offerto alcuna visione della città, è tutto peggiorato. E la Raggi non è in grado di amministrare" ha detto il capogruppo della Lega in Campidoglio Maurizio Politi.
In mattinata era stato direttamente Matteo Salvini ad attaccare la sindaca: "La Raggi mi ha chiesto aiuto per salvare Roma da degrado, turisti cafoni e incivili in genere. La circolare sulle zone rosse va in q…

Autonomie regionali affossate, un altro boccone amaro per Salvini: non ci sono i soldi

Immagine
Dopo la Flat tax ridotta ed un aumento dell’Iva, teoricamente smentito dalla maggioranza, ma sempre più probabile, la Lega di Matteo Salvini rischia di dover inghiottire un altro boccone amaro ed accentuare lo scontro col ministro Tria, in questo momento garante dei conti del Paese: l’autonomia regionale differenziata richiesta da Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna rischia di andare in soffitta. Il motivo naturalmente, come direbbe Carlo Freccero, è sempre lo stesso: mancano le risorse.
Così ministro del Tesoro di fronte alla Commissione per il federalismo fiscale: “In alcuni casi le richieste regionali non appaiono del tutto coerenti con i principi costituzionali”. Di più: esiste “una tassatività del disposto costituzionale” che “affida allo Stato la competenza esclusiva in materia di sistema tributario e contabile dello Stato”. “Se si applica il principio del costo medio,continua Tria – alcune Regioni dovranno avere risorse aggiuntive che, o vengono prese dalle altre, oppure devono …

Berlusconi in campo per riformare l'Ue. Forza Italia è il perno del centrodestra

Immagine
"Sono particolarmente soddisfatto del  lavoro svolto nelle ultime settimane per la compilazione delle  liste di Forza Italia. Ci sono piu’ donne che uomini (35 su 68  candidature), oltre agli europarlamentari uscenti, molti  sindaci e amministratori locali, molti professionisti e  imprenditori stimati nel loro settore che si sono offerti di  mettersi al servizio degli italiani".
Parole chiare dirette che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna quelle scritte da Silvio Berlusconi leader di Forza Italia su Facebook.
 "Credo, dichiara Berlusconi,enormemente nel nostro progetto di riforma  dell’Europa e in quello che abbiamo voluto chiamare ’Sovranismo  Europeo’, da aver scelto di candidarmi anch’io in prima  persona, per mettere al servizio di questo ambizioso progetto  la mia esperienza di uomo di Stato e di Governo.
 Da piu’ di 25  anni,  sottolinea l’ex premier, Forza Italia rappresenta il  baricentro della politica italiana, e’ stata ed e’ ancora la  spina dorsa…

Perugia, Salvini risponde agli antagonisti: avete rotto le palle

Immagine
"Avete rotto le palle, la mamma ed il papà lo sanno che hanno dei figli maleducati"? Parole chiare dirette che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna quelle pronunciate a Perugia, da Matteo Salvini rispondendo ai cori ed i fischi dei contestatori.
"Io difendo i comunisti, ha precisato il ministro dell'interno, come specie in via d'estinzione, come il panda, l'orso bruno, vanno difesi, sono pochi e simpatici. Quando approvavano la Fornero erano nei centri sociali a farsi due canne".
Dopo aver "salutato l'ex governatrice Marini che, a suo dire, ha finito di fare danni, Salvini ha dato il via alla campagna elettorale sperando che si voti al più presto anche per le regionali ed ha annunciato la propria candidata la senatrice Donatella Tesei,sindaco di Montefalco.
Siamo qui, precisa Salvini,perché l'Umbria si merita una sanità con liste di attesa normali, un sistema di trasporti che permetta di arrivare in Umbria. La prossima Regione dovrà in…

Il sottosegretario Armando Siri è indagato per corruzione. Di Maio: “Deve dimettersi”

Immagine
Sarebbe stata di 30 mila euro la mazzetta intascata dal sottosegretario ai Trasporti della Lega Armando Siri per introdurre una norma nel Def che avrebbe
favorito alcuni imprenditori nel campo delle energie rinnovabili. L’emendamento però non è mai passato.
Il sottosegretario Siri è indagato per corruzione dai pm romani nell’ambito di unaindagine nata a Palermo su un imprenditore dell’eolico, Vito Nicastri, ritenuto vicino a Cosa nostra. A consegnare il denaro a Siri sarebbe stato Paolo Arata, professore universitario, estensore del programma sull’energia della Lega e in affari, peri pm, con Nicastri.
Siri, che non sapeva dei rapporti tra Arata e Nicastri, avrebbe ricevuto il denaro a casa del professore che sarebbe stato un suo grande sponsor nella politica. L’emendamento caldeggiato avrebbe dovuto fare retroagire i finanziamenti
stanziati per le rinnovabili alla data di costituzione di una delle società di Nicastri che avrebbe potuto così beneficiarne.
Parallelamente all'indagine rom…