Luca Zaia, 1 maggio: il primo pensiero deve andare alla sicurezza sul lavoro

"Una giornata come quella del primo maggio, che si celebra dal 1889, va ogni anno arricchita di contenuti e di attualità. Il primo pensiero deve quindi andare alla sicurezza e ai caduti sul lavoro, perché non si pensi che questa sfida sia vinta, in un Paese dove ancora si muore e ci si infortuna troppo lavorando".
Parole chiare dirette che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna quelle pronunciate da Luca Zaia, presidente della Regione Veneto riflettendo sul primo maggio, festa del lavoro.
 "Incidenti e lutti - ricorda il Governatore,che accadono ancora anche nella nostra Regione dove, per affrontare il problema, si sta facendo squadra tra le Istituzioni e le parti sociali, dopo aver raggiunto e sottoscritto un accordo importante, utile e concreto: un lavoro comune per andare oltre le parole e i buoni sentimenti, consci che la sicurezza sul lavoro è un fatto di civiltà assolutamente trasversale alla società e alla politica".
"E’ un tema che va affrontato a 360 gradi - prosegue il Presidente, dal punto di vista culturale, da quello gestionale, fino al grande fronte della prevenzione. Qui in Veneto abbiamo in questo senso una doppia responsabilità, perché siamo la regione delle 600 mila partite Iva, dei lavoratori che si evolvono in imprenditori di sé stessi, degli imprenditori che erano semplici lavoratori e tali rimangono nell’anima e nel cuore anche dopo essere riusciti a creare la loro impresa, piccola o grande che

Commenti

Post popolari in questo blog

Trieste, foibe: Salvini il 10 febbraio a Basovizza

Migranti, Bongiorno (Lega): “Basta col buonismo di sinistra,con Salvini è finita l’epoca dei radical chic"

Marine Le Pen: con Matteo Salvini un asse franco italiano per cambiare l'Europa