Pozzuoli, antagonisti mettono in fuga giovani della Lega - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

domenica 28 aprile 2019

Pozzuoli, antagonisti mettono in fuga giovani della Lega

Mattinata di tensione a Pozzuoli, popoloso comune della città metropolitana di Napoli. In piazza della Repubblica era previsto un gazebo di Lega giovani, il movimento giovanile del Carroccio, organizzazione da poche settimane presente nella città flegrea, con inizio alle ore 10,00.
L'aria si è riscaldata subito con l'arrivo di un nutrito di militanti della sinistra antagonista.
"L'area flegrea non si Lega, questo era il testo di uno striscione degli antagonisti che hanno insultato e cercato di allontanare i pacifici militanti leghisti che volevano distribuire materiale propagandistico.
La polizia, celermente intervenuta sul posto, ha evitato contatti fisici tra antagonisti e giovani leghisti che hanno smantellato il gazebo e scortati dalla polizia sono andati via.
Fin qui, la dura e cruda cronaca di una giornata caratterizzata dall'intolleranza politica degli antagonisti nei confronti dei giovani leghisti ma che sicuramente avrà ripercussioni politiche.
A condannare l'aggressione al gazebo dei giovani leghisti è Mario Cutolo, coordinatore dell'area flegrea per la Lega che dichiara: non voglio immaginare che questa sia la sinistra che oggi abbiamo a Pozzuoli. Non credo che quella contro di noi sia stata una manifestazione di sinistra. È stata la manifestazione di persone stupide ed ignoranti che non rispettano la libertà di pensiero e sopratutto che reagiscono ad un pensiero diverso dal loro con la violenza e con la discriminazione. Stiamo parlando di giovani contro altri giovani. Attacchi a ragazzi della Lega, ventenni, che stavano cercando di esprimere democraticamente il loro pensiero e soltanto grazie al provvidenziale intervento della polizia che ha dovuto scortarli, non sono stati attaccati fisicamente. 



Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3