Paolo Gentiloni(Pd): il nazionalismo è la bestia che diede origine a guerre e dittature

 "Un buon risultato avrà un duplice significato: sara’ un segnale all’Unione europea contro il nazionalismo, dal Paese dove e’ piu’ forte, e sara’ un passo verso la costruzione dell’alternativa. Il voto di domenica deve servire a dire basta all'interminabile guerra delle due forze di governo e dei due vicepremier"
Parole chiare dirette che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna quelle pronunciate da Paolo Gentiloni, presidente della assemblea nazionale del Partito Democratico nel corso di un incontro con la stampa a Trieste.
Ripercorse le sanguinose tappe del Novecento in Europa, dall'attentato di Sarajevo all'Olocausto, Gentiloni ha indicato che "la bestia che e’ all'origine di tutte queste tragedie, delle dittature e delle guerre, e’ la bestia del nazionalismo. E noi non possiamo consentire, precisa l'esponente democratico che il progetto europeo dopo sessant'anni sia di nuovo minacciato e incrinato dal nazionalismo". Riferendosi a
Trieste che "guarda da vicino ad altri Paesi, ad altre culture, a tradizioni diverse", l’ex premier ha affermato che "qui piu’ che mai si capisce quanto l’Europa ci abbia dato in termini di pace e di collaborazione con i popoli a noi vicini".
"Il 26 di maggio e’ un’occasione,  puntualizza Gentiloni per dire che anche in Italia, dove pure il nazionalismo e’ al governo, si può far sentire una voce europeista, che in tutti i Paesi europei aspettano di sentire dall'Italia, perchè’ fa parte della nostra storia e della nostra tradizione politica".


Commenti

Post popolari in questo blog

Regionali 2020, la sovranista Carmela Rescigno(Fdi) pronta a sfidare il governatore De Luca

Trieste, foibe: Salvini il 10 febbraio a Basovizza

Migranti, Bongiorno (Lega): “Basta col buonismo di sinistra,con Salvini è finita l’epoca dei radical chic"