Francesco Giubilei(Nazione Futura) sabato presenta ad Ercolano il suo nuovo libro: Europa sovranista

Sabato 22 giugno presso il caffè letterario Scuderie di Villa Favorita ad Ercolano, in provincia di Napoli la sezione napoletana di Nazione Futura, il think tank di area conservatrice ha organizzato la presentazione del nuovo libro di Francesco Giubilei, Europa sovranista da Salvini alla Meloni da Orban a Le Pen.
L'iniziativa della sezione napoletana di Nazione Futura ci viene presentata, con maggiori dettagli, da una nota, diffusa alla stampa che riportiamo volentieri.




Europa Sovranista’’ è così intitolato l’ultimo fatica letteraria di Francesco Giubilei, presidente di Nazione Futura, think tank di area conservatrice volto a favorire il dibattito politico culturale e l’aggregazione di varie anime della società civile accomunate da valori e ideali comuni. La sezione napoletana di Nazione Futura ha organizzato una presentazione del libro, che si terrà sabato 22 Giugno ad Ercolano, presso il Caffè Letterario delle Scuderie di Villa Favorita. “L’attività di Nazione Futura si struttura anche in Campania- afferma Giubilei- come nel resto del territorio nazionale. Dopo vari eventi organizzati a Napoli, il nostro movimento di idee organizza un’importante iniziativa di riflessione su uno dei principali temi di attualità politica come il sovranismo, grazie all'ottimo lavoro di Domenico Sannino, segno di un progetto che giorno dopo giorno si sta radicando sul territorio”. A seguire, dopo la presentazione, ci sarà un dibattito che vedrà protagonisti, oltre all’autore, Caterina Cerroni (Giovani Democratici, responsabile nazionale Europa e mediterraneo), Gabriele Intoccia (Comitato Diversamente Ercolano), Vincenzo Riemma (Gioventù Nazionale Napoli), e che verrà moderato da Domenico Sannino, responsabile di Nazione Futura Napoli. “Sono soddisfatto- dichiara Sannino- di aver organizzato ad Ercolano la presentazione del libro di Francesco Giubilei, uno dei più giovani ed interessanti intellettuali di questa stagione storico-politica. Per tanto per me è davvero un onore averlo invitato ad Ercolano. Il dibattito che abbiamo organizzato, grazie anche al prezioso contributo di Fabrizio Formicola , prevede la partecipazione di giovani che, provenienti da diverse e contrapposte famiglie politiche, da sempre si impegnano sui territori per portare avanti le proprie istanze. Sarà stimolante moderare questo dibattito. Sarà piacevole stare ad ascoltarli e stimolarli taccando punti di stretta attualità, promuovendo una seria riflessione sul futuro dell’Unione Europea. Altro ospite- ha concluso- di cui siamo orgogliosi è Caterina Cerroni, candidata alle scorse elezioni Europee tra le liste del PD”. La giovane dem Caterina Cerroni, ha un punto di vista radicalmente opposto a quello di Sannino, sull’Europa e il sovranismo:” Sono convinta, invece, che lo strumento per affrontare e risolvere le contraddizioni del nostro tempo, le ingiustizie della globalizzazione, non sia il sovranismo- afferma la Cerroni- ma il suo contrario: la sovranità, la restituzione del potere nelle mani delle persone. E dare più potere alle istituzioni europee, trasferire sovranità a livello europeo, significa garantire la rappresentanza democratica dei cittadini a tutti i livelli di governo, anche quello internazionale, significa avere voce e potere decisionale anche sulle questioni europee ed internazionali che impattano sulle nostre vite.” Tra il relatori, anche Gabriele Intoccia, un altro protagonista della politica giovanile della città di Ercolano, attualmente attivista del Comitato Diversamente Ercolano : “Confrontarsi in città su un tema non molto approfondito come l'Europa, è un occasione per fare vedere ai cittadini che esiste una politica che si confronta senza fare tifoserie”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Bibbiano, il democratico Delrio: Salvini specula su bimbi per distrarre l'opinione pubblica

Sea Watch. De Luca da parlamentari Pd atto di ottusità politica: chi viola le leggi deve essere arrestato

Romano Prodi ministro dell'immigrazione? Arriva un no secco da Salvini