Nello Musumeci: ci penso io a far vincere la Lega al Sud

"Ci penso io a far vincere Salvini al Sud". Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Nello Musumeci, governatore della Sicilia nel corso di una intervista rilasciata al quotidiano torinese La Stampa.
Il governatore della Sicilia chiede al vice premier leghista di rompere subito con il Movimento Cinque Stelle e di andare al voto.
Salvini, secondo Musumeci, deve trovare l'orgoglio, la forza e la risolutezza per rompere questo patto assolutamente anomale e fuori da ogni normale logica politica con il Movimento Cinque Stelle andando al voto subito.
La politica, precisa Musumeci, non può basarsi solo su un accordo di programma, né si governa con un contratto a prescindere dalle affinità  culturali.
Il centro destra ricorda il governatore della Sicilia è maggioranza morale in Italia ed il modello di successo della Sicilia come di altre realtà del paese non può e non deve rimanere limitato a singole esperienze locali, deve diventare governo nazionale.
Alla domanda perché Salvini non rompe? Musumeci risponde: perché non crede - che esista ancora sul piano numerico l’alternativa per un centrodestra organico. E
potrebbe avere anche ragione soprattutto se guarda al Sud. Ecco perchè, precisa Musumeci, bisogna comprendere come intercettare quegli elettori che non vanno a votare o si sono rivolti al Movimento Cinque Stelle.
Tra gli elettori del Movimento Cinque Stelle, sostiene Musumeci, c'è almeno un 10% di voti che prima erano del centro destra.
 Alla domanda se Salvini vincerà grazie al Sud, Musumeci afferma: "Non c’è dubbio. Si vince al Sud. Credo che al Nord sia arrivato al suo massimo".

Commenti

Post popolari in questo blog

Sea Watch. De Luca da parlamentari Pd atto di ottusità politica: chi viola le leggi deve essere arrestato

Bibbiano, il democratico Delrio: Salvini specula su bimbi per distrarre l'opinione pubblica

Migranti, Casarini: “Torniamo in mare battendo bandiera italiana”. Calderoli(Lega) Casarini rischia la galera, buona crociera