Roma, al gay pride insulti per Pillon. Mercogliano(Lega): la solidarietà del mondo pro life al senatore leghista

Solidarietà del mondo pro life e family che aderisce alla Lega al senatore Simone Pillon, attaccato vigliaccamente dal Roma Pride. Le ingiurie del mondo LGBT non ci scalfiscono, con Pillon la Campania in prima fila nella difesa dei valori e della Famiglia"
Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Luigi Mercogliano, responsabile campano per la Lega delle politiche pro vita e famiglia che in una nota, diffusa alla stampa dichiara: apprendo che il corteo del Roma Pride che si è svolto oggi a Roma ha sfilato rivolgendo ingiurie e cori offensivi nei confronti del Senatore del nostro partito Simone Pillon, leader del Family day e presentatore del ddl 735 sull'affido condiviso e la Bigenitorialità.
Voglio manifestare a Simone, a nome mio e di tutto il mondo pro life e family che aderisce alla Lega in Campania, tutta la nostra solidarietà, confermando al nostro senatore la fiducia dei militanti campani del Family day nei suoi confronti. Nei confronti del mondo del Family day, precisa Mercogliano, c'è da anni in atto una vera e propria contrapposizione ideologica che va di gran lunga oltre la normale dialettica politica. Ma non saranno quattro facinorosi dei gay pride spalleggiati da femministe e centri sociali a fermarci nella nostra battaglia valoriale per la difesa della famiglia della vita e della libertà educativa.
Annuncio, conclude Mercogliano, che presto la Lega Campania e il dipartimento che presiedo a livello regionale ospiterà il senatore Simone Pillon a Napoli per una grande iniziativa sui temi della difesa della vita e della famiglia che sarà presto spiegata in conferenza stampa". 

Commenti

Post popolari in questo blog

Regionali 2020, la sovranista Carmela Rescigno(Fdi) pronta a sfidare il governatore De Luca

Trieste, foibe: Salvini il 10 febbraio a Basovizza

Migranti, Bongiorno (Lega): “Basta col buonismo di sinistra,con Salvini è finita l’epoca dei radical chic"