Carfagna, atlantismo ed europeismo sono i pilastri della nostra politica estera altro che le lezioni di Bannon

 "Il rapporto con la Russia, cosi’ come si sta configurando, rischia di essere fonte di instabilita’ e ambiguita’. Noi siamo sempre stati a favore di un dialogo chiaro e trasparente con Mosca. Ma pensare che una relazione, anche privilegiata, con la Russia possa sostituire la nostra adesione al Patto Atlantico e’ un danno per i nostri interessi nazionali.
Parole chiare dirette che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna quelle pronunciate da Mara Carfagna coordinatrice nazionale di Forza Italia partecipando ad un convegno intitolato La collocazione internazionale dell'Italiam organizzato da Riformismo e libertà.
 E’ giusto e opportuno cercare di avvicinare la Russia all’Occidente, ma non certo avvicinare l’Italia all’Oriente.I pilastri su cui si e’ fondata la nostra politica estera dal Dopoguerra in poi sono sempre stati due: atlantismo ed europeismo. Negli ultimi dodici mesi abbiamo assistito alla tendenza a rompere i tradizionali schemi euro-atlantici. Oggi, previsa Mara Carfagna,non si capisce quale sia la nostra collocazione geopolitica, chi sono i nostri alleati, chi i nostri avversari. E’ inquietante che forze di governo si facciano dare lezioni da un personaggio come Steve Bannon, cacciato con disonore dalla Casa Bianca, che gira da due anni per l’Europa con l’obiettivo di
farla a pezzi per consegnarla non si sa a chi".



Commenti

Post popolari in questo blog

Sea Watch. De Luca da parlamentari Pd atto di ottusità politica: chi viola le leggi deve essere arrestato

Bibbiano, il democratico Delrio: Salvini specula su bimbi per distrarre l'opinione pubblica

Carabiniere ucciso, la democratica Pinotti: da Lega e Fratelli d'Italia parole di odio xenofobo