Cerreto(Mns)incursori sulle navi per impedire lo sbarco dei clandestini - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

lunedì 8 luglio 2019

Cerreto(Mns)incursori sulle navi per impedire lo sbarco dei clandestini



di Antonio Mazzella

La passione di sempre, ed un serrato ragionamento sulle prospettive possibili e praticabili, hanno rappresentato il contesto in cui si è prodotto e sviluppato l'incontro del 7 luglio, del Movimento Nazionale per la Sovranità, riunito in Assemblea Nazionale. Al passo indietro annunciato a suo tempo da Gianni Alemanno, determinato a dare battaglia in tribunale per dimostrare la propria piena estraneità rispetto agli addebiti di una magistratura forse non del tutto imparziale, ha fatto seguito un'indicazione che ha raccolto le istanze di un ricambio generazionale, con la proposta di Cerreto quale candidato alla successione.
Il suo intervento è stato condotto partendo da un'impietosa analisi della situazione cristallizzatasi nel tempo, con lucide ipotesi di nuovi percorsi percorribili, ed un richiamo ad un'antica militanza (nel saluto, fra gli altri, a chi scrive, presente in sala), terminando quasi con una professione di fede nel declinare i tempi di avvio del suo mandato, che, in collaborazione con il presidente Roberto Menia, prevede entro 48 h una rapida disanima delle situazioni regionali del partito, (presente in tutto il territorio nazionale) ed entro 5 giorni da oggi, un incontro con i vertici di F.d'I., atto a concretizzare quel percorso federativo, che tende a realizzare un'unità, a Destra, che fu già la spinta che determinò il progetto comune che, dall'unione delle esperienze de "La Destra" e di "Azione Nazionale", ed altre sigle per così dire, "minori", portò alla fondazione del MNS...
Centrale, nella sua relazione, il passaggio sulle vicende che hanno caratterizzato la cronaca di questi giorni rispetto all'operato di ONG nel Mare Nostrum...
 “È evidente" ha tuonato Cerreto, "che c’è un piano internazionale per forzare i porti chiusi da Salvini e tornare a far invadere l’Italia dall’immigrazione clandestina...
di fronte a questa emergenza sono necessarie misure estreme, perché non si può affidare solo all’azione giudiziaria della magistratura il contenimento degli sbarchi. Chiediamo per questo che il Governo italiano mandi gli incursori della Marina sulle navi delle ONG che trasportano immigrati, quando queste sono ancora in acque internazionali." Ed a questo punto, fra applausi scroscianti, ha continuato: "Saranno i nostri incursori a costringere gli equipaggi delle navi a invertire la rotta e riportare gli immigrati clandestini nei porti da cui sono partiti.”
Ma Cerreto ha parlato anche di un.Italia indimenticabile Nazione culla del diritto, mortificata dallo shopping di multinazionali inumane che si arrogano il diritto di giocare con la pelle dei lavoratori, contro cui lo stato deve intervenire, ha sottolineato l'esigenza di riscoprire un'applicazione concreta del neo idealismo gentiliano in un modello di società moderna che sappia riappriopriarsi della concezione stessa di un Umanesimo del Lavoro, e finalmente applicare la Partecipazione dei Lavoratori agli utili...Ha tratteggiato quel concetto di Comunità che è alla base di un comune intimo sentire di quanti hanno militato in quella Destra sociale, identitaria e sovranista, che dal 5 giugno, DOPO le elezioni Europee, si dice certo che abbia lanciato una nuova sfida, per ritrovarSi in una Comunità, umana e politica, che è anche una Comunità di destino...
Ricordando che "il Mezzogiorno non può scomparire dall'Agenda di governo", e che " non cresce l'Italia, se non cresce il Sud".
"Quando il patto federativo" (con la Meloni, N.d.R.) "sarà ratificato"
ha ancora dichiarato, nella sua replica appassionata, il neo eletto segretario dell’MNS, Marco Cerreto, "avremo vinto due volte, la prima per aver riunificato la Destra, la seconda perché cambieremo l'Italia".

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3