De Magistris: quando il commiato per il carabiniere ucciso si trasforma nel solito attacco a Salvini. Lo sdegno di Raffaele Ambrosino - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

lunedì 29 luglio 2019

De Magistris: quando il commiato per il carabiniere ucciso si trasforma nel solito attacco a Salvini. Lo sdegno di Raffaele Ambrosino

Puntale come ogni lunedì mattina, Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, pubblica sulla sua pagina Facebook un editoriale, un suo punto di vista sull'attualità politica e sui fatti di cronaca. 
Argomento del post non poteva non essere il commiato per la tragica morte del vice brigadiere 
Mario Cerciello Rega, del quale oggi si celebrano i funerali a Somma Vesuviana, popoloso comune della città metropolitana di Napoli.
Il commiato per la tragica morte di un giovane carabiniere, nel giorno del suo funerale, diventa occasione di polemica politica nei confronti del ministro dell'Interno Matteo Salvini come dimostra questo post del primo cittadino di Napoli che pubblichiamo per intero.

In questi giorni tutti sono rimasti turbati dall'atroce assassinio, avvenuto in Roma, del vice-brigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, del quale oggi si celebrano i funerali in Somma Vesuviana. Ai familiari ed all'Arma dei Carabinieri le condoglianze più profonde. Ancora una vittima di una violenza brutale, esagerata, per certi versi inspiegabile. Nel nostro Paese sta crescendo progressivamente un preoccupante clima di odio e di violenza: nelle strade, nelle case, nei luoghi di lavoro, sui social. Quando un destino di un Paese comincia ad essere condizionato da ondate di odio e di violenza non possiamo pensare alla sicurezza come un tema demandato solo alle forze di polizia. Tutti debbono riflettere, confrontarsi ed agire. Nessuno escluso. Famiglie, scuola, società, istituzioni. La Politica in questo momento è complessivamente troppo intossicata da veleni e tossine. La stessa direzione politica delle forze di polizia è affidata ad un uomo politico che lavora scientemente per far piombare il Paese sull'orlo di un conflitto sociale e civile per poi presentarsi quale l'uomo forte a cui concedere poteri speciali. La democrazia, ad esempio, è forte e robusta se ha la capacità e gli strumenti per assicurare i responsabili dei reati alla giustizia e nel nostro Paese non mancano certo donne e uomini all'altezza di questo difficile compito, talvolta una missione assai rischiosa. La democrazia, invece, scricchiola fortemente se un Ministro dell'Interno applaude al fatto che un ragazzo fermato negli uffici di una caserma sia tenuto in manette e soprattutto bendato; se un Ministro dell'Interno impugna un mitra e favorisce e stimola la discriminazione e l'odio razziale; se un Ministro espone l'Italia agli occhi del mondo quale un Paese che sta smarrendo il volto umano e che lascia morire senza pietà persone in mezzo al mare; se un Ministro incita a non rispettare regole ed etica che stanno alla base della non violenza, le cui fondamenta reggono sull'onestà e sulla moralità pubblica. Con queste ed altre condotte il responsabile politico del Viminale sta contribuendo ogni giorno a rendere il nostro Paese sempre più insicuro e meno coeso. L'Italia avrebbe bisogno, invece, di un Ministro dell'Interno e di un Governo che facciano della sicurezza democratica un obiettivo prioritario. Purtroppo tutto questo non è frutto di politiche solo improvvisate ed influenzate dai gradimenti dei likes, ma il tutto appare determinato da una regia che vuole creare le condizioni per la realizzazione di una svolta autoritaria, anche al fine di nascondere i fallimenti di politiche economiche e finanziarie che hanno creato disuguaglianze economiche e sociali e condizioni diffuse di grandi fragilità. Il Sistema è malato e non ha gli anticorpi, si tratta ora di capire se il popolo, quanta parte di popolo, e la parte sana delle Istituzioni, riusciranno a mettere in circolo rapidamente gli anticorpi necessari per la tenuta democratica del Paese che si fonda sui principi di libertà, uguaglianza, fratellanza e giustizia sociale.

Il post di commiato per il carabiniere ucciso del primo cittadino di Napoli che si trasforma nel solito scontato e banale attacco al ministro dell'Interno Salvini trova la prima voce contraria e di sdegno in Raffaele Ambrosino, già consigliere comunale di Napoli, eletto nelle file di Forza Italia ed approdato in Futuro e libertà. In un post pubblicato sulla sua pagina Facebook dichiara: Un #pisciatone mai strumentale come quello di stamattina. Il commiato per il carabiniere ucciso che dopo poche righe si trasforma in un attacco a Salvini. Che pena.
E poi, vorrei chiederlo direttamente al nostro ma sono impedito da un suo ban di qualche tempo fa, che cazzo c'entra questa foto (pubblicata con il post) con la morte di #Mario? Eh! Che cazzo c'entra!!!???
Andatelo a scrivere e chiedere sotto quel delirio settimanale del peggior sindaco che Napoli abbia mai avuto, magari risponde e ci rende chiaro il percorso a ostacoli della sua mente.
p.s. comunque, lo stadio rimesso a nuovo da Vincenzo De Luca è molto bello. dall'alto.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3