Massimo Fini: nessuna lezione dai torturatori di Guantanamo&C

Massimo Fini, giornalista eretico e controcorrente in un interessante articolo pubblicato sul numero di martedì 30 luglio de Il Fatto Quotidiano di fronte allo sdegno americano  per un loro connazionale sospettato dell'uccisione di un carabiniere fotografato in una questura bendato afferma un principio sacrosanto in virtù  del quale il nostro paese, patria del diritto, non accetta lezione alcuna dai torturatori di Guantanamo.
Principio che non possiamo non condividere.



C'e' grande sdegno negli Stati uniti per il ragazzo americano, sospettato dell'uccisione di un carabiniere, fotografato bendato in una nostra questura non si sa se durante un interrogatorio o prima.
Scioccante(Cnn) intollerabile(Washington Post) Esposto come un trofeo(Bloomberg) Intollerabile, intollerabile, intollerabile (Los Angeles Times).
A noi par chiaro che lo sdegno per la fotografia ne sottintenda,quasi a diventarne un pretesto, un altro, il vero nocciolo della questione: che un giovane americano sia stato torturato. Beh, se di tortura si tratta, come sottolinea Sallusti su Il Giornale, è  di natura psicologica e non fisica.
Gli americani, quando gli fa comodo, sembrano avere una memoria molto corta. Dimenticano Guantanamo dove per anni hanno sottoposti ed ancora oggi sottopongono per estorcere loro confessioni i prigionieri talebani al waterboarding, alla privazione del sonno, alle scosse elettriche sui genitali ed altre torture rispetto alle quali una sciarpa calata sugli occhi è  una bagatella.
Con la non trascurabile differenza che i talebani erano dei guerriglieri che difendevano la libertà del loro paese arbitrariamente invaso ed occupato, mentre i giovani americani, se le accuse nei loro confronti verranno provate, sono dei deliquenti comuni, dei ragazzi viziati, pieni di droga ed alcool.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sea Watch. De Luca da parlamentari Pd atto di ottusità politica: chi viola le leggi deve essere arrestato

Bibbiano, il democratico Delrio: Salvini specula su bimbi per distrarre l'opinione pubblica

Carabiniere ucciso, la democratica Pinotti: da Lega e Fratelli d'Italia parole di odio xenofobo