Migranti, Casarini: “Torniamo in mare battendo bandiera italiana”. Calderoli(Lega) Casarini rischia la galera, buona crociera

"A brevissimo, questione di ore al massimo un giorno, torneremo in mare con una imbarcazione battente bandiera italiana. È la migliore risposta a chi ha fatto una guerra contro chi salva le persone",
Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna quelle pronunciate dall'ex disobbediente Luca Casarini, oggi capo missione della Ong Mediterranea, dalla nave Rainbow Warrior di Greenpeace attraccata al porto di Palermo.
"Siamo a bordo di una nave gloriosa per le sue battaglie civili sull'ambiente e sull'ecologia come anche per la democrazia, come le battaglie per i diritti umani che stiamo conducendo dichiara Casarini, ed è incredibile che siamo arrivati a questo punto, ma per noi il crimine è fare morire le persone in mare, farle affogare, consegnarle a carcerieri che hanno lager tipo Auschwitz, dove i bambini sono costretti a vedere le proprie mamme stuprate. Questo è un crimine, ribadisce l'ex disobbediente, non chi soccorre le persone in mare. Salvare persone non è mai un crimine per noi, mai. Continueremo ad andare in mare, proprio dove non vogliono. La nostra nave Jonio è sotto sequestro perché abbiamo salvato 50 persone, fra cui una bimba di due anni che ora sta bene".
"Le testimonianze, il monitoraggio, l'essere là dove c'è bisogno di aiuto: è questo il nodo fondamentale, il motivo della criminalizzazione. Non vogliono, precisa Casarini, testimoni di fronte a una tragedia che si sta compiendo nel Mediterraneo centrale e non li vogliono perché loro sanno tutto. Sanno quando affondano e quanti annegano", a ha proseguito il capo missione della Ong. "La repressione e la criminalizzazione non ci fermano. È troppo forte il desiderio di aiutare le persone e la volontà di non girare la testa dall'altra parte – ha infine chiosato Casarini aggiungendo – Nella storia in Europa abbiamo già girato la testa dall'altra parte, di fronte ai campi concentramento, ma questa volta non lo faremo".
Quanto dichiarato da Luca Casarini non poteva non diventare oggetto di infinite polemiche politiche sostenute per primo da Roberto Calderoli, vice presidente del Senato e storico esponente della Lega che in una nota dichiara: "leggo con relativo stupore i proclami barricadieri di Luca Casarini, che si appresta a solcare le acque internazionali con la nave Mediterranea per emulare le prodezze della Sea Watch, per andare a prendersi immigrati nelle acque libiche con l'idea di trasportarli in Italia, convinto di poterlo fare avendo una nave battente bandiera italiana.
  Forse allo storico esponente dei 'disobbedienti' precisa Calderoli, sfugge un passaggio che in realtà dovrebbe essere facile da comprendere: le leggi italiane valgono per tutti, anche per gli italiani, o pensa che una nave italiana che infrange in acque internazionali le nostre leggi sull'immigrazione possa farla franca solo perché ha la nostra bandiera? - si è chiesto il politico leghista prima di aggiungere – Se violeranno le nostre leggi andranno incontro a quanto previsto dai nostri codici e ne risponderanno in tribunale. Certo Casarini, a differenza della sua amica Carola, non rischia l'espulsione dall'Italia, ma rifletta bene, perché rischia la galera,conclude Calderoli comunque 
Auguri di buona crociera nel Mediterraneo".

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Bibbiano, il democratico Delrio: Salvini specula su bimbi per distrarre l'opinione pubblica

Sea Watch. De Luca da parlamentari Pd atto di ottusità politica: chi viola le leggi deve essere arrestato

Romano Prodi ministro dell'immigrazione? Arriva un no secco da Salvini