Salvini visita venerdì la città di Trieste: insorge la rete antifascista e antirazzista

Un presidio a Trieste per dire "no a muri, filo spinato e razzismo di Stato". E’ quanto intende organizzare la rete Trieste Antifascista e Antirazzista, nel pomeriggio di venerdì 5 luglio a Piazza della Borsa, in occasione della visita in città del ministro dell'interno nonché leader della Lega, Matteo Salvini.
Prevista in mattinata, fanno sapere i promotori, anche un’azione di volantinaggio in piazza della Libertà
"Con la mobilitazione di una città antifascista e antirazzista in occasione della visita di Salvini  si vuole affermare che a Trieste non c’è spazio per chi parla di
muri di centinaia di chilometri, di confini da sigillare e di tecnologia militare, ipotizzando così un costante scenario di guerra e di negazione di diritti". 
Il 5 luglio, prosegue la nota, "vogliamo essere in tante/i in piazza e per le strade per rivendicare che in caso di fili spinati non avremo dubbi su cosa fare e su come abbracciare la causa di chi fugge, siano esse/i donne, uomini, bambine/i e che
i fili spinati li tagliano tutti i giorni, per immettere più forza possibile nel coraggio contro indifferenza, ingiustizia, violazione dei diritti, follia di un’Europa impazzita".

Commenti

Post popolari in questo blog

Sea Watch. De Luca da parlamentari Pd atto di ottusità politica: chi viola le leggi deve essere arrestato

Bibbiano, il democratico Delrio: Salvini specula su bimbi per distrarre l'opinione pubblica

Migranti, Casarini: “Torniamo in mare battendo bandiera italiana”. Calderoli(Lega) Casarini rischia la galera, buona crociera