Zingaretti: Salvini venga in aula o non gli daremo tregua


 Sui presunti legami fra la Lega e la Russia, sia chiaro, noi non daremo tregua a Salvini finché  luio Conte non verranno in Parlamento a riferire nella sede propria
la loro versione"
Parole chiare dirette che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna quelle pronunciate da Nicola Zingaretti segretario nazionale del Partito Democratico  nel corso di un’intervista al quotidiano la Repubblica.
L'esponente dem precisa: la Procura, e non la politica, dovrà   accertare la verità   sulla presunta tangente di 65 milioni alla Lega trattata da uno stretto collaboratore del ministro degli Interni. Il quale, però,  in maniera goffa ha preso le distanze da questo signorequasi non lo conoscesse, smentito da centinaia di foto ed eventi. Salvini ha anche negato di aver fatto invitare Savoini nelle delegazioni ufficiali ma è  stato smentito da Palazzo Chigi".
 Poi, Zingaretti si domanda: "Davvero credono che sipossa discutere in Parlamento un decreto sicurezza promosso da un ministro che dice bugie?".
Riguardo al premier Giuseppe Conte, il segretario del Pd chiarisce "Se il primo ministro si illude di lavarsi le mani indicando nel suo ministro il responsabile del falso, non ha capito che si sta dando la zappa sui piedi, precisando: le responsabilità del governo sono palesemente comuni".

Commenti

Post popolari in questo blog

Sea Watch. De Luca da parlamentari Pd atto di ottusità politica: chi viola le leggi deve essere arrestato

Bibbiano, il democratico Delrio: Salvini specula su bimbi per distrarre l'opinione pubblica

Carabiniere ucciso, la democratica Pinotti: da Lega e Fratelli d'Italia parole di odio xenofobo