Azzurri in verde? Edoardo Sylos Labini: la storia sportiva del nostro paese va rispettata - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

sabato 12 ottobre 2019

Azzurri in verde? Edoardo Sylos Labini: la storia sportiva del nostro paese va rispettata

Gli azzurri.... in verde. Clamoroso all'Olimpico, parafrasando il Clamoroso al Cibali celebre locuzione del radiocronista italiano Sandro Ciotti, coniata domenica 4 giugno 1961 durante la cronaca di Catania-Inter giocata allo stadio Cibali e vinta 2-0 dalla squadra etneo, la nostra nazionale di calcio giocherà con la maglia verde, davvero contro natura la partita contro la Grecia valida per le qualificazioni ai prossimi campionati Europei.
Una idea della Puma, lo sponsor tecnico della nazionale, con motivi ispirati ai tessuti ed alla architettura del Rinascimento che non trova il gradimento dell'attore e regista Edoardo Sylos Labini, fondatore del mensile identitario Culturaidentità come dimostra questo suo post pubblicato sui social network che riportiamo fedelemnte.


La nazionale italiana di calcio, staserà giocherà con una maglia verde e senza lo scudetto tricolore. Quello scudetto inventato da d'annunzio a Fiume il 7 febbraio 1919 in occasione di una partita tra i legionari e i civili. e che e che è poi diventato il simbolo del calcio italiano. Non so se e dove si vuole andare a parare con quest'operazione di marketing, ma è grave che si rinunci ai colori della nazione e al colore che ha scritto la storia della Nazionale. Il calcio, lo sport e i simboli sono fondamentali per la nostra Storia e per il nostro futuro: vanno rispettati ed onorati!

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3