Lamezia Terme, la vittoria di Sofo: la Lega ritira la lista a sostegno del candidato sindaco pro Ong - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

giovedì 10 ottobre 2019

Lamezia Terme, la vittoria di Sofo: la Lega ritira la lista a sostegno del candidato sindaco pro Ong

Domenica 10 novembre i cittadini di Lamezia Terme, comune di oltre 70 mila abitanti della provincia di Catanzaro, saranno chiamati al voto per eleggere il nuovo sindaco ed i consiglieri comunali.
Il centro destra che si presenta nella classica formazione, Forza Italia, Fratelli d'Italia e Lega, Unione Di Centro arricchito da alcune liste civiche aveva trovato la quadra con Ruggero Pegna, organizzatore di eventi e scrittore, sostenitore del modello di governo del territorio di Riace, incarnato dall'ex sindaco Mimmo Lucano ed a favore dell'operato delle organizzazioni non governative, autore del romanzo Il Cacciatore di meduse, commovente storia di un piccolo migrante somalo.
Una candidatura che non aveva trovato il gradimento di Vincenzo Sofo, che aveva chiesto alla Lega ed al centro destra tutto di trovare un altro candidato sindaco, scatenando polemiche anche con i dirigenti della Lega di Lamezia e con il deputato Furgiuele che avevano organizzato la lista di sostegno al candidato sindaco Pegna.  Poco importava loro che l'aspirante candidato sindaco, avesse definito il leader della Lega con l'appellativo bullo e spocchioso e che avesse posizioni in materia di immigrazione radicalmente opposte a quelle della Lega.
E' notizia di pochi minuti fa, confermataci da fonti romane, la Lega, salvo sorprese dell'ultima ora,  non parteciperà alle prossime elezioni comunali di Lamezia Terme. 
Sembrerebbe che, addirittura il leader Salvini abbia posto il veto dopo la polemica dei giorni scorsi, tra il prossimo eurodeputato Vincenzo Sofo e l'aspirante candidato sindaco per il centro destra Ruggero Pegna.
Vincenzo Sofo aveva espresso le sue perplessità sulla candidatura di Pegna, in merito alle sue idee sull’immigrazione, sul modello Riace e sull’accoglienza dei migranti. Le giuste obiezioni di Sofo hanno prevalso rispetto alla linea politica tracciata dal deputato Furgiele e dai dirigenti locali.
Il ritiro della lista leghista, ci informa un nostro lettore di Lamezia Terme,  è l’ulteriore riprova che nel centrodestra le acque sono agitate più del previsto e che la campagna elettorale sarà più infuocata che mai

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3