Castellammare di Stabia: terremoto nella Lega. Dopo il discorso di Bossi il coordinatore Tito lascia il partito - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

domenica 22 dicembre 2019

Castellammare di Stabia: terremoto nella Lega. Dopo il discorso di Bossi il coordinatore Tito lascia il partito

Mi sembra giusto aiutare il Sud altrimenti straripano come l'Africa". Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Umberto Bossi, storico fondatore della Lega Lombarda, nel corso del suo intervento al congresso straordinario del Carroccio a Milano.
Parole che richiamano le idee forza più radicali del Carroccio, quelle delle origini, a cavallo tra gli anni ottanta e novanta, che arrivano nel giorno in cui l'attuale segretario Matteo Salvini ha deciso di lanciano il nuovo corso del partito, abbandonando, una volta e per tutte, almeno a chiacchiere, la vocazione nordista, per puntare su un movimento politico di respiro nazionale, da Bolzano a Lampedusa.
Dichiarazioni coerenti con la sua storica politica, quelle di Umberto Bossi, a difesa dei diritti del settentrione d'altronde, la nostra gente del Nord, spiega il senatur, deve vivere tranquillamente e pagare meno residuo fiscale di 100 miliardi di euro.
Parole che rischiano di scatenare un'emorragia di militanti ed iscritti alla Lega di Salvini e di consensi, soprattutto in Campania.
Il primo a lasciare, dopo le dichiarazioni di Umberto Bossi, è Giovanni Tito, fondatore della Lega a Castellammare di Stabia, promotore della lista salviniana alle ultime amministrative, capace di eleggere nella Stalingrado del Sud un consigliere comunale grazie al consenso di oltre 900 cittadini che sentito telefonicamente dichiara: Dopo le dichiarazioni di Bossi e il silenzio di Salvini da questo momento non rappresento più la Lega a Castellammare. Io sono orgoglioso di essere un uomo del Sud”. 

Sono stato contattato, in queste ore, da altri iscritti ed ex simpatizzanti della Lega, rimasti stupefatti per le allucinanti dichiarazioni dell'anziano Umberto Bossi e del silenzio assordante del leader Salvini.
Che dire pò della classe dirigente regionale e provinciale del Partito, che non ha ancora compreso la gravità delle dichiarazioni dell'anziano leader.
Dichiarazioni che potrebbe costare, in termine di consenso, parecchi punti già alle prossime elezioni regionali previste per la tarda primavera.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3