Con le parole in libertà di Bossi, Salvini paga l'ultimo dazio con il passato - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

lunedì 23 dicembre 2019

Con le parole in libertà di Bossi, Salvini paga l'ultimo dazio con il passato


(G.p)"Mi sembra giusto aiutare il Sud altrimenti straripano come l'Africa". Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Umberto Bossi, storico fondatore della Lega Lombarda, nel corso del suo intervento al congresso straordinario del Carroccio a Milano.
Parole che richiamano le idee forza più radicali del Carroccio, quelle delle origini, a cavallo tra gli anni ottanta e novanta, che arrivano nel giorno in cui l'attuale segretario Matteo Salvini ha deciso di lanciano il nuovo corso del partito, abbandonando, una volta e per tutte, almeno a chiacchiere, la vocazione nordista, per puntare su un movimento politico di respiro nazionale, da Bolzano a Lampedusa.
Parole che secondo Carlo Alberto Paolino, arguta penna di Mergellina, conoscitore di quanto succede nel mondo leghista in Campania, altro non sono che l'ultimo dazio che la Lega nazionale di Salvini paga con il passato, come ci spiega con questo articolo che pubblichiamo volentieri.


Un battesimo, la “porta” per un inizio di un nuovo progetto sancito al congresso federale straordinario della Lega, che si è svolto nella giornata di sabato 21 dicembre,  presso la sala convegni dell'Hotel Da Vinci ,a Milano, dove Matteo Salvini leader indiscusso del movimento, ha l'ambizione di rilanciare l'Italia nel mondo abbracciando nel nome del buon governo tutta l'Italia.Si sminuiscono in sostanza i vecchi “toni” tanto è vero che ci saranno due figure giuridiche, una Lega nord, (per rispettare gli impegni presi con la procura della Repubblica di  Genova), e una Lega Salvini Premier radicata principalmente nel Sud del Paese.
Il leader della Lega nel suo discorso ricorda quando intraprese questo percorso sei anni fa con percentuali al 3% non immaginandosi di avere l'onore e la fortuna di rappresentare il primo partito di questo Paese e la speranza per milioni di italiani. Un movimento Nazionale dunque, con una forte spinta sociale. Ma i malumori di alcuni non si fanno attendere, specialmente nel Sud del paese. Il discorso dell’ex leader del carroccio Umberto Bossi, padre fondatore della Lega Nord nel 1991, dove paragona i meridionali agli "africani"riguardo all'entrata in termini di flussi nel nostro paese. Discorso, quello di Umberto Bossi, che qualsiasi persona, dotata di cervello autonomo, potrà intuire che era a scopo vendicativo.
Salvini e la sua Lega, nazionale ha pagato l'ultimo dazio con il passato. 

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3