Cuneo, i militanti di Fratelli d'Italia ai neo acquisti: nessuno ci imponga l'esame di antifascismo - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

lunedì 6 gennaio 2020

Cuneo, i militanti di Fratelli d'Italia ai neo acquisti: nessuno ci imponga l'esame di antifascismo

Fratelli d'Italia, il movimento politico guidato da Giorgia Meloni, è in forte ascesa. Infatti, guardando i sondaggi, di diversi istituti demoscopici, Fratelli d'Italia è attestato oltre il 10% dei consensi ed è la seconda forza politica del centro destra a trazione leghista ed è la quarta forza politica italiana.
Sul carro di Fratelli d'Italia, dal Nord al Sud, passando per il Centro, isole comprese, sono saliti già in tanti, ed altri si apprestano a salire. Uomini e donne proveniente da altre forze politiche, per lo più dal centro destra, Forza Italia in primis, qualche esponente della Lega che non trova più spazio nel Carroccio, qualche esponente del Movimento Cinque Stelle.
Anche a Cuneo, uomini e donne di cultura e provenienza politica diversa da quella della destra politica italiana sono approdati nelle fila dei conservatori e sovranisti d'Italia, come se fossero rinforzi del calcio mercato.

Per questo motivo alcuni esponenti del partito, in una lettera diffusa alla stampa, che riportiamo fedelmente, chiedono rispetto per la propria storia politica ai nuovi arrivati.


Egregio direttore,
i propositi, la coerenza e l’impegno di Fratelli d’Italia ricompensano. Anche in provincia di Cuneo si verificano nuovi consensi, anche di qualificati esponenti di altre forze politiche. Vorremmo però moderare l’esultanza, l’euforia con cui costoro vengono accolti. Ben vengano in FdI per integrarsi con le nostre componenti nazionale, sociale, liberale e quindi valorizzarci ulteriormente. Ben vengano, ma non solo per sostenere la nostra presenza e azione politica – il che potrebbe far pensare alla ennesima salita sul carro vincente – ma per recepire appieno le nostre tesi politiche, economiche, sociali e culturali. Ben vengano, e sappiano che trovano un partito di militanti, già sufficientemente diffuso e organizzato. Non ci sono vuoti, ma spazi da migliorare. Da noi saranno accolti con generale lealtà e amicizia. Chi li ha preceduti può testimoniarlo. D’altronde, malgrado certe “fregature” del passato, questi sono i nostri sentimenti di sempre.
A loro chiediamo però considerazione per la nostra storia. Considerazione per i tanti che sono appartenuti alla generazione di Alleanza Nazionale e per gli altrettanto tanti della precedente generazione del Movimento Sociale Italiano di Giorgio Almirante ( a cui si ricollegano numerosi giovani). A loro chiediamo il rispetto delle nostre memorie. Il Fascismo è morto il 25 aprile 1945. Se allora non avessimo girato la pagina della Storia verso la democrazia e la libertà, se ci fossimo rivelati “trinariciuti” neri e passatisti, ci avrebbero ammazzati politicamente tanti anni fa e non ci sarebbe stato possibile risorgere a vita nuova. Non ci si venga dunque a proporre l’anacronistico esame dell’antifascismo, visto anche il paragone con l’Italia in cui siamo ridotti e che ci si vuole imporre con il “politicamente corretto”.
Un sincero augurio ai politici e amministratori che aderiscono a FdI: portino l’aggiunta delle loro competenze e del loro impegno nel nostro schieramento; conquistino il voto dei nostri elettori – ben superiore di quello loro personale – e vinceremo tutti assieme convintamente la battaglia del consenso a favore della Destra per il popolo italiano”.

Paolo Chiarenza - Guido Giordana – Luca Ferracciolo – Fabio Mottinelli - Maurizio Occelli - Mario Pinca – Denis Scotti (Fratelli d’Italia - Cuneo)

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3