A cena con Salvini la Lega festeggia il successo della manifestazione al Teatro Augusteo - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

mercoledì 19 febbraio 2020

A cena con Salvini la Lega festeggia il successo della manifestazione al Teatro Augusteo

di Carlo Alberto Paolino

Al "no Salvini day" dei centri sociali, il popolo campano della Lega risponde con il "Liberiamo la Campania".
I militanti della Lega, reduci dall'ottimo risultato della campagna tesseramento 2020 a Napoli ed in provincia, con centinaia di nuovi tesserati, e dai sondaggi che attribuiscono al movimento politico guidato da Matteo Salvini il 32% dei consensi, hanno riempito, in ogni ordine di posto, il Teatro Augusteo.
Per motivi di ordine pubblico quasi 200 persone sono rimaste bloccate all'esterno della struttura di Piazzetta Augusteo.
Dopo il comizio di Nicola Molteni, coordinatore regionale e di Matteo Salvini, leader indiscusso della Lega, la serata è continuata in un ristorante dei Colli Aminei, dove simpatizzanti, militanti  hanno cenato con parlamentari, dirigenti campani con Matteo Salvini.
Un'occasione per continuare a parlare di politica, commentando la riuscita manifestazione al Teatro Augusteo e l'intervento di Salvini nel quale sicurezza e ordine pubblico, contrasto alla camorra, sono stati temi trattati con dovizia di particolari. 
C'è chi come Federico, leghista della prima ora, si sofferma sul ruolo di una certa stampa, definita serva dei poteri forti, che evidenziava nei giorni scorsi il dietrofront a Scampia del leader leghista, forse perché in quel quartiere è meglio non citofonare.
Salvini, nel pomeriggio di martedì 18 febbraio era nel popoloso e popolare quartiere periferico di Napoli, dove precisa Federico, ha incontrato il campione di judo Gianni Maddaloni, per parlare delle condizioni in cui versano le periferie ma anche per ringraziarlo per l'opera meritoria di togliere i ragazzi dalla strada con l'insegnamento della nobile arte del judo, dando loro valori positivi.
In un altro tavolo, i giovani commentavano il flop della manifestazione anti razzista ed anti leghista organizzata dalle sardine napoletane alla quale ha preso parte Mattia Santori, uno dei leader. Che dire dell'incredibile "gaffe" di Santori che intervistato  dalle televisioni sul terzo flop delle sardine in citta' ha dichiarato: gli argomenti da noi trattati non era troppo sexy.
C'è chi come Tiziano, invita i presenti ad un brindisi. C'è davvero qualcosa da festeggiare per il popolo leghista: l'enorme successo dalla manifestazione di ieri pomeriggio, tante gente, di ogni ceto sociale, perché la Lega è un movimento autenticamente interclassista che vuole provare a cambiare il destino di Napoli e della Campania.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3