Fratelli d'Italia, a Torre del Greco il caos regna sovrano - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

martedì 24 marzo 2020

Fratelli d'Italia, a Torre del Greco il caos regna sovrano

Aggiungi didascalia
Fratelli d'Italia, sondaggi alla mano, è il terzo partito italiano, dopo Lega e Partito Democratico. Un partito giovane, nato da una scissione di destra interna al Popolo delle libertà, che da pochi mesi ha compiuto 7 anni. Un movimento che si sta radicando, passo dopo passo, in tutto il territorio nazionale, isole comprese, capace nell'ultimo biennio di passare dal 4,35% delle politiche al 6,4% delle Europee al 10,9% delle ultime elezioni regionali in Calabria.
Un movimento, erede di quel che fu la tradizione della destra italiana, nel Movimento Sociale Italiano prima in Alleanza Nazionale, dove forte era il rispetto della gerarchia e delle funzioni.
Invece, non sempre è cosi. Almeno in Campania, dove anarchia e caos regnano sovrani, dove chiunque, pur di avere un minimo di gloria, sui giornali locali e sui siti web, parla di qualsiasi cosa, pur non avendone titolo alcuno.
Emblematico è il caso di Torre del Greco di cui abbiamo parlato ieri in un articolo, grazie ad una segnalazione di un nostro lettore del comprensorio torrese. I dirigenti locali Luca Alini,segretario cittadino di Torre del Greco, e Salvatore Quirino coordinatore del Miglio d'oro avevano lanciato l'idea forza di allestire in tempi rapidi, un reparto all'ospedale Maresca di Torre del Greco nel quale individuare posti per la quarantena.

Di questa iniziativa abbiamo trovato un secondo comunicato stampa nel quale compaiono i nomi di altri dirigenti di partito come Salvatore Napodano, Gennaro Miranda, Fabio Boccia e Giuseppe De Simone e last but not least (ultimo ma non per importanza) l'avvocato Nello Savoia, consigliere comunale di Bacoli individuato come coordinatore provinciale di Fratelli d'Italia, quando in realtà è stato costretto alla dimissioni in quanto prossimo candidato alle elezioni regionali e sostituito nel ruolo, dal commissario provinciale onorevole Andrea Del Mastro.
Una vicenda che ha degli aspetti al quanto grotteschi. In virtù del criterio della gerarchia e della competenza di quanto succede a Torre del Greco, nell'ospedale Maresca, avrebbero titolo a parlare, oltre al segretario cittadino, Alessandra Tabernacolo, consigliere comunale e la dottoressa Carmela Rescigno, responsabile nazionale del dipartimento Sanità.
La gerarchia, la competenza, parole sconosciute ai fratelli napoletani d'Italia.


Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3