Napoli: il giovane Ugo Russo ucciso da un carabiniere. Cantalamessa (Lega): "O sei per la legge o sei contro la legge" - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

lunedì 2 marzo 2020

Napoli: il giovane Ugo Russo ucciso da un carabiniere. Cantalamessa (Lega): "O sei per la legge o sei contro la legge"


di Carlo Alberto Paolino

Gianluca Cantalamessa, esponente di primo piano della Lega Salvini Premier, capogruppo delle commissione parlamentare d'inchiesta sul fenomeno delle mafie, commenta la notizia del giorno a Napoli: la tentata rapina da parte del giovane Ugo Rosso colpito a morte dai colpi d'arma da fuoco sparati dalla vittima: un carabiniere. L'esponente leghista, umanamente dispiaciuto per la morte del giovane, in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook dichiara: o sei per la legge o sei contro legge. Una terza ipotesi, non è, a suo parere possibile.
Post che riporto integralmente.

“Sono in contatto con associazioni di ex detenuti da prima che venissi eletto, ho cercato di avviare e seguire percorsi di formazione professionale nelle carceri per riabilitare chi ha sbagliato e vuole redimersi. Proprio per questo credo che chi mi conosce sa che non posso non provare dolore e dispiacere per il ragazzino ucciso questa notte. Ciò premesso ho il dovere di dire ciò che penso fino in fondo e cioè che trovo allucinante tutto quello che sta accadendo nella mia città incluso ciò che è accaduto questa notte. O si sta con la coppia di giovani in auto o si sta con chi gli punta una pistola contro. O si sta con chi si spezza la schiena per salvare vite in un pronto soccorso o con chi, con arroganza ed atteggiamenti pseudo camorristici, sfascia macchinari e sale operatorie pagate dai cittadini per salvare vite umane. O si sta con le ragazze ed i ragazzi in divisa che rischiano la vita per pochi euro al mese o si sta con quelle bestie che sono andati a sparare contro la caserma Pastrengo dei Carabinieri questa notte. Tertium non datur. Io non ho dubbi sto sempre con i primi. Il grigio sta ammazzando la mia città, l’ orgoglio di essere napoletani ed il futuro dei nostri figli. Per questo mesi fa ho presentato una legge contro le baby gang. Per questo un mese fa circa ho presentato una interrogazione parlamentare a difesa del personale medico e paramedico vittima di aggressioni come quelle di ieri sera. Per questo stiamo varando una legge a loro difesa. Per questo continuo a lottare tutti i santi giorni. La città più bella del mondo è azzurra. L’ unico posto per il nero a Napoli, come in tutto il mondo, è il carcere” . 

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3