Regionali Toscana, nel centrodestra torna forte il nome di Susanna Ceccardi - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

giovedì 5 marzo 2020

Regionali Toscana, nel centrodestra torna forte il nome di Susanna Ceccardi

Un’altra donna in corsa per la presidenza della Toscana. Dopo la pentastellata Irene Galletti, già consigliera regionale del M5S, il nome dell’europarlamentare Susanna Ceccardi, ex sindaco di Cascina torna a prendere quota. La sua candidatura, secondo  fonti qualificate della Lega, è "sempre più probabile".
La Ceccardi  pupilla di Matteo Salvini, da almeno sei mesi appare e scompare dal totonomi nella corsa alla presidenza della Regione per il centrodestra. Fino a novembre era considerata la grande favorita dal leader del Carroccio per tentare l’assalto a uno degli ultimi fortini rossi, poi proprio Salvini sembrò tirare il freno. Un fiume carsico, tuttavia, come noto scorre in profondità per poi riemergere con rinnovato vigore in superficie. E così anche l’idea di mandare Ceccardi all’assalto di palazzo Strozzi Sacrati sta riprendendo forza in queste ore, seppure con una congiuntura politica rovesciata rispetto a quella di sei mesi fa. Dopo il tonfo alle Regionali in Emilia-Romagna l’ambizione di Salvini di strappare al Partito democratico i feudi storici come la Toscana ne e’ uscita fortemente ridimensionata. E dopotutto qualche scetticismo cova nel centrodestra per un profilo caratterizzato a volte da un’ostilita’ marcata verso Firenze, capoluogo regionale e collegio elettorale piu’ popoloso. A dispetto delle variabili avverse, pero’, l’ipotesi Ceccardi sta risorgendo. Complice anche la defezione di alternative robuste: il sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna si e’ sostanzialmente chiamato fuori, il corteggiamento di Salvini verso il giornalista e volto tv vicino al popoulismo Paolo Del Debbio e’ naufragato a piu’ riprese. Resta da superare l’ultimo scoglio, l’ufficializzazione del nome. Per ottenerla, confermano i vertici leghisti, serve il via libera corale di Salvini, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi i quali non hanno ancora fissato una data precisa per arrivare a una decisione irrevocabile. Sabato si riunirà il direttivo della Lega in Toscana. Soltanto un altro passaggio verso la preparazione dal punto di vista organizzativo della campagna elettorale, si affrettano a precisare i responsabili del Carroccio.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3