Alternativa per la Germania caccia il suo storico portavoce Lueth. La sua colpa: definirsi ariano e fascista - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

lunedì 27 aprile 2020

Alternativa per la Germania caccia il suo storico portavoce Lueth. La sua colpa: definirsi ariano e fascista

Un “fascista”. Si è definito così, con orgoglio, più di una volta. Anche “ariano”, parlando, sempre con molto orgoglio, del nonno Wolfgang, un ufficiale nazista che aveva guidato sottomarini durante la Seconda guerra mondiale. Un po’ troppo, per un partito nazionalista e sovranista come Alternativa per la Germania che sta cercando di scrollarsi di dosso l'immagine di una forza politica ormai dominata dalle correnti delle destra radicali riposizionandosi sul modello delle destre di governo europee come lo furono Alleanza Nazionale in Italia, la Lega a guida Salvini i cui dirigenti, ogni tanto, scivolano su argomenti politicamente scorretti come il negazionismo, la xenofobia, l'antisemitismo.
A definirsi fascista ed ariano è lo storico portavoce del partito, Christian Lueth, ed i vertici di Alternativa per la Germania non potevano chiudere entrambi gli occhi e far finta di niente. Secondo indiscrezioni del settimanale Zeith, Lueth è stato buttato fuori dal partito su due piedi, con effetto immediato.



Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3