Coronavirus,Grant(Lega):con Garanzia Italia finanziamenti fino a 25 mila euro alle pmi - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

venerdì 24 aprile 2020

Coronavirus,Grant(Lega):con Garanzia Italia finanziamenti fino a 25 mila euro alle pmi

di Antonio Mazzella

La pandemia del corona virus ha innestato una serie di misure sanitarie, pur chiacchierate, perchè considerate spesso tardive, a volte inadeguate, in alcuni casi perfino troppo restrittive... ma anche di altro genere, per supportare le reali difficoltà che privati ed aziende, imprese e famiglie, stanno affrontando nell'attuale contingenza quotidiana, e non solo... ma dovranno affrontare ancora, in prospettiva, per chissà quanto tempo... fra queste misure, reali o millantate che siano, di cui anche il governo fa un gran parlare, restando per il momento, ancorato a chiacchiere vuote ed inconcludenti, ce n'è una, almeno, concreta, posta in essere, con la sospensione delle rate di mutui e prestiti, secondo un nuovo accordo tra ABI e Associazioni di consumatori che è illustrato nel comunicato stampa dell’ABI del 22 aprile 2020. Questo illustra nel dettaglio, tanto la durata della moratoria, che i requisiti previsti per potervi accedere. 
Prevede, fra l'altro, la possibilità di sospendere anche per un'annualità, quindi 12 mesi, i finanziamenti a rimborso rateale, quindi anche la sola quota capitale delle rate dei mutui. Tanto l'ABI, che le associazioni interessate a questo accordo, hanno evidenziato come lo spirito perseguito, sia stato dare quello di offrire in qualche maniera un sostegno economico, nel perdurare della crisi in corso, oltre che sanitaria, anche economica e finanziaria, a famiglie, lavoratori autonomi e liberi professionisti in difficoltà. Gli ambiti di intervento dell’Accordo sono quei ​mutui garantiti da ipoteche su immobili (non di lusso, ed erogati prima del 31 gennaio 2020) a persone fisiche per ristrutturazione degli stessi immobili ipotecati, liquidità o acquisto di immobili non adibiti ad abitazione principale, che non rientrano in altri benefici (tipo quelli previsti dal Fondo Gasparrini); prestiti non garantiti da garanzia reale, a rimborso rateale, (anche in questo caso, erogati prima del 31 gennaio 2020). Naturalmente, per poter accedere a questa sospensiva di rate di mutui e/o di prestiti, sono previsti dei requisiti, concordati fra l'ABI e le Associazioni di consumatori. Hanno infatti sottoscritto l'accordo Acu, Adiconsum, Adoc, Altroconsumo, Asso-Consum, Assoutenti, Cittadinanzattiva, Codacons, Confconsumatori, Centro Tutela Consumatori e Utenti, Federconsumatori, La Casa del consumatore, Lega consumatori, Movimento consumatori, Movimento difesa del cittadino, Udicon, Unione nazionale dei consumatori, e questa iniziativa si va ad inserire nel protocollo d’intesa “CREDIamoCI”, tra, appunto, ABI ed Associazioni dei Consumatori. I requisiti previsti, sono: «la cessazione del rapporto di lavoro subordinato per qualsiasi tipo di contratto;la sospensione dal lavoro o riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni;morte o insorgenza di condizioni di non autosufficienza;la riduzione di un terzo del fatturato causata dall’evento epidemiologico per lavoratori autonomi e liberi professionisti.» Questa misura sospensiva, comprende anche rate eventualmente scadute, e non pagate, dopo il 31 gennaio 2020 e sembra non prevedere l’applicazione di commissioni bancarie. E così, il processo di ammortamento verrà ripreso al termine del periodo di sospensione, mentre il piano di ammortamento sarà prorogato per pari durata rispetto al periodo sospensivo. L’elenco delle banche che converranno all'accordo, al momento in cui scrivo non è ancora inserito sul sito dell’ABI, dove sarà "scaricabile" insieme a copia del modello per formulare la domanda di essere ammessi ad accedere all’accordo. Dando seguito ad un'attività fin qui molto intensa, sul territorio del collegio elettorale del Sud ed a Bruxelles, l'eurodeputato della Lega, anche l'on.Valentino Grant, ha voluto dare risalto a questa iniziativa, ci ha fatto giungere un comunicato stampa, che volentieri pubblichiamo qui di seguito: "L’ABI ha inviato un’ulteriore circolare alle banche sui finanziamenti fino a 25.000 euro garantiti al 100 percento (decreto legge n.23 del’8 aprile 2020), autorizzato dalla Commissione europea il 14 aprile e le cui domande sono presentate dal 17 aprile.  L’ABI indica che il finanziamento fino a 25.000 euro prevede espressamente che l’inizio del rimborso non avvenga prima di 24 mesi dall'erogazione e che non può essere utilizzato per compensare alcun prestito preesistente, anche nella forma dello scoperto di conto corrente: la compensazione determinerebbe un avvio del rimborso prima dei 24 mesi, facendo decadere la garanzia. Tale divieto di compensazione si applica anche per chi utilizza la sospensione prevista dall’art. 56 del decreto legge n.18 del 17 marzo 2020: anche in questo caso, è vietato l’utilizzo del nuovo finanziamento per ridurre un’esposizione preesistente sul conto corrente perché determinerebbe un avvio del rimborso prima del termine dei 24 mesi." Il documento è disponibile sul sito www.abi.it

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3