L'interrogativo di Feltri: dove è finita l'opposizione? Bene solo la terrona Meloni - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

martedì 28 aprile 2020

L'interrogativo di Feltri: dove è finita l'opposizione? Bene solo la terrona Meloni

Perfino Matteo Salvini procede a tre cilindri è timoroso, incerto, ha smarrito le energie che lo avevano condotto ai vertici e si è lasciato espellere dal campo, con il cartellino rosso di Nicola Zingaretti  fra gli applausi di Luigi Di Maio e soci senza arte.
Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle scritte da Vittorio Feltri in un editoriale pubblicato in prima pagina del quotidiano Libero intitolato Dove è finita l'opposizione?
Salvini, precisa Feltri, continua a comparire in televisione senza incidere se non quando si tratta di dire che sono un coglione perché senza volerlo ho offeso i meridionali.
Comprendo, precisa il direttore di Libero, che al capo della Lega premano i voti delle regioni da Roma in giù mentre a me sta più a cuore la descrizione della realtà patria. Facciamo mestieri diversi e non invidio il suo. Tuttavia un minimo di rispetto da lui me lo aspettavo.
Feltri nel lungo editoriale che continua a pagina 2, tira le somme di tutto ciò constatando che l'unico personaggio all'altezza di contrastare  gli affossatori del Paese è la "terrona" Giorgia Meloni, una terrona superiore ai padani, che combatte, sale nei sondaggi, mette all'angolo Lilli Gruber
Insomma, conclude Feltri, ci affidiamo a questa ragazza di talento nella speranza che riesca a dare una svegliata a Salvini, un grande leader di ieri che auspichiamo lo ridiventi domani. Egli è un treno e non può avere l'andatura di un monopattino. Coraggio. Fuori le palle".

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3