Editoria, la Gazzetta del Mezzogiorno dopo 132 anni di attività rischia la chiusura: la denuncia di Fratelli d'Italia - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

giovedì 7 maggio 2020

Editoria, la Gazzetta del Mezzogiorno dopo 132 anni di attività rischia la chiusura: la denuncia di Fratelli d'Italia

"Dopo 132 anni di storia La Gazzetta del Mezzogiorno rischia seriamente di chiudere. E sarebbe un grave colpo non per il pluralismo dell’informazione
ma anche al territorio di due regioni, Puglia e Basilicata, in cui il giornale rappresenta un voce importante e autorevole. E’ necessario che si faccia il possibile per evitare che il Sud e l’Italia perdano un presidio di corretta informazione e di democrazia".
Così in una nota i deputati di Fratelli d’Italia Salvatore Caiata, Wanda Ferro, Marcello Gemmato e Carolina Varchi, i quali hanno espresso "piena solidarietà ai giornalisti e a tutto il personale amministrativo del quotidiano che sta attraversando in questi ultimi due anni un percorso irto di ostacoli e che ha
retto solo grazie alla caparbietà e all'impegno dei giornalisti, costretti a fare tanti sacrifici e a vedersi ridurre progressivamente la busta paga".
"Reduce dal commissariamento giudiziario dovuto a una vicenda che ha coinvolto l’editore siciliano Mario Ciancio Sanfilippo, a cui dopo quasi due anni il tribunale di Catania ha restituito i beni tra i quali anche La Gazzetta del Mezzogiorno - hanno aggiunto - il giornale assiste in questi giorni a quello che potrebbe essere il colpo di grazia. Lo stesso editore, infatti, ha comunicato la volontà di mettere in liquidazione la Edisud Spa, la società editrice del quotidiano.
Tutto il corpo redazionale sperava che con la restituzione della Gazzetta all’attuale editore potesse partire finalmente una stagione di rilancio dopo mesi di sacrifici, rinunce e difficoltà operative all’interno di una gestione fatta solo di "lacrime e sangue" senza una visione futura. I giornalisti hanno sopportato il peso di questa politica dei tagli per tutelare il loro lavoro e la storia del giornale che ha attraversato due guerre mondiali raccontando problemi, vittorie e sconfitte del territorio. Ora -
per dirla con le parole del comitato di redazione  il comandante vuole abbandonare la nave".

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3