La Lega scende, Fratelli d'Italia sfiora i Cinque Stelle centro destra al 48%. Il sondaggio di Nando Pagnoncelli - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

sabato 30 maggio 2020

La Lega scende, Fratelli d'Italia sfiora i Cinque Stelle centro destra al 48%. Il sondaggio di Nando Pagnoncelli


La Lega, pur mantenendosi in testa alle preferenze degli italiani, fa segnare l’ulteriore calo di 1,1 punti attestandosi al 24,3%, seguita dal Partito Democratico stabile al 21,2%. Medaglia di bronzo, per usare un termine caro agli olimpionici per il Movimento Cinque Stelle che si attesta al 16,7% in calo di 1,9% tallonato dai conservatori e sovranisti di Fratelli d'Italia che hanno raggiunto il 16,2% il valore più elevato mai registrato nei sondaggi. Quindi Forza Italia con il 7,4% ed Italia Viva, il movimento politico guidato dall'ex premier Renzi che supera la soglia di sbarramento prevista al 3%.
Questa è la fotografia scattata da Nando Pagnoncelli e pubblicata dal Corriere della Sera, il principale quotidiano italiano.
È però utile, al di là degli andamenti, cercare di spiegare mediante l’analisi dei flussi elettorali le variazioni dei consensi per i partiti rispetto ai risultati alle Europee di un anno fa. La Lega vede sensibilmente ridimensionato il proprio consenso. Le sue perdite sono soprattutto verso Fratelli d’Italia (se facciamo 100 gli elettori della Lega alle Europee, poco meno del 18% si è spostato sulla formazione di Giorgia Meloni) e verso incertezza e astensione (il 19%). Se poi guardiamo ai segmenti sociali, le perdite maggiori si registrano tra diplomati, professionalizzati e ceti medi, casalinghe, residenti nel Nordovest e nel Centronord (le quattro regioni che un tempo si definivano rosse) e tra i cattolici praticanti.
Sembra quindi di intravedere due tendenze: una uscita dovuta presumibilmente alla difficoltà di tenere un atteggiamento di coesione nazionale in un momento di crisi drammatica che ha spinto gli italiani a sentimenti unitari, e in parallelo l’erosione di appeal di Salvini, cui sono mancati i cavalli di battaglia (in primis immigrazione e sicurezza) che ne hanno determinato il successo alle Europee. Dimostrando che la pur estesa forza sui social deve essere sostenuta anche da una fisicità, da una relazione diretta, che la pandemia ha bloccato. Fratelli d’Italia segna un’impetuosa crescita di consensi, beneficiando ad un tempo sia del più elevato tasso di fedeltà degli elettori delle Europee, sia di quello di attrazione di nuovi elettori, a partire dai leghisti delusi. La leader della formazione gode inoltre di un elevato posizionamento personale, con un apprezzamento ormai stabilmente più elevato di Salvini. Pur con qualche sbavatura, Giorgia Meloni è apparsa come più «nazionale» in un momento difficile. Dal punto di vista sociale Fratelli d'Italia recupera voti nel lavoro autonomo (flusso in uscita dalla Lega) e tra i dipendenti pubblici dove, soprattutto nel Centro sud del Paese, aveva già un punto di forza.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3