Le regole di Salvini per uscire dalla crisi: pace fiscale e pace edilizia - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

domenica 3 maggio 2020

Le regole di Salvini per uscire dalla crisi: pace fiscale e pace edilizia

"La recessione causata dal Covid19 sara’ la più grave nell'intera storia dell’Italia unita, a parte la seconda guerra mondiale, solo nel 2030 torneremmo al livello di Pil pre-crisi" del 2007". Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Matteo Salvini, leader indiscusso della Lega nel corso di un intervento pubblicato su Il Sole 24 Ore, il principale quotidiano economico italiano, nel numero di domenica 3 maggio.
Le parole chiave, secondo Salvini, dovranno essere libertà e responsabilità. Cittadini e imprese hanno bisogno di uno Stato che li lasci liberi di agire all'interno di un quadro delineato da poche regole chiare, ed è l'esatto contrario di quanto abbiamo visto finora, chiedendo infine che la cultura del sospetto venga sostituita con quella della trasparenza. Solo cosi sarà possibile attivare rapidamente le grandi opere infrastrutturali. Agli occhiuti controlli preventivi, bisogna sostituire procedure snelle e già sperimentate come il modello Genova.
Circa i limiti delle globalizzazione Salvini precisa: si andrà un accorciamento delle filiere ed un bilanciamento del modello di crescita sulla domanda interna, ma questa evoluzione dovrà essere accompagnata da un radicale cambiamento nel patto tra Stato e imprese.
Questa evoluzione, continua il leader leghista, dovrà essere accompagnata da un radicale cambiamento nel patto tra Stato ed imprese. Nella fase dell'emergenza, pace fiscale e pace edilizia permetteranno di recuperare risorse e deflazionare il contenzioso, facilitando la ripartenza. Andranno poi realizzate la flat tax al 15% ed una riforma del processo tributario.
Andrà valorizzata e promossa l’Italia dei distretti, motore del Made in Italy, e primo esempio spontaneo di economia circolare. La difesa della salute e dell’ambiente passa anche attraverso un consumo consapevole".




Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3