L'Italia e il Mediterraneo, sfida geopolitica e destino. Le idee forza proposte nel terzo numero da Il Guastatore - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

giovedì 21 maggio 2020

L'Italia e il Mediterraneo, sfida geopolitica e destino. Le idee forza proposte nel terzo numero da Il Guastatore

E' disponibile, da alcuni giorni, in rete o in alcune librerie sparse su e giù per lo stivale, nonostante l'emergenza pandemia il terzo numero de Il Guastore, bimestrale identitario e sovranista diretto dal collega Clemente Ultimo. 
Un numero intitolato Navigare necesse est: l'Italia e il mediterraneo sfida geopolitica e destino.


Piantata al centro del Mediterraneo l’Italia stenta a cogliere tutte le possibilità economiche, politiche, strategiche  offerte da questa posizione geografica all’incrocio tra due continenti e, soprattutto, di importanti linee di traffico. All'assenza di una visione strategica italiana per il Mediterraneo ed alla necessità di mettere in campo politiche adeguate, frutto di una profonda elaborazione culturale, è dedicata la riflessione proposta ai lettori dal terzo numero de Il Guastatore, la rivista bimestrale di approfondimento politico-culturale diretta da Clemente Ultimo edita dalla salernitana Edizioni Reazione.
 Grazie a numerosi contributi, tra cui quelli di Marco Valle, Augusto Grandi, Adriano Tilgher, viene offerta al lettore non solo una panoramica sulle tante occasioni mancate dal Belpaese nel Mediterraneo, ma anche una riflessione sulle tante possibilità che l’Italia potrebbe sviluppare nello scenario del Mediterraneo allargato, ovvero il grande spazio che va dal Golfo di Guinea alle propaggini occidentali dell’Oceano Indiano, in un momento in cui vecchi e nuovi attori si muovono sulla scena internazionale per il controllo delle risorse strategiche. Una riflessione sul Mediterraneo che affronta anche aspetti meno evidenti, ma non per questo secondari: dalla complessa partita che si sta giocando nel Levante per il controllo delle risorse energetiche sottomarine – con Eni in campo da protagonista -, al rapporto con le ex colonie del Corno d’Africa ormai fortemente compromesso dal dinamismo politico ed economico di attori come Turchia e Cina, alla presenza italiana nei Balcani, scacchiere spesso colpevolmente trascurato dalla diplomazia tricolore. Ad arricchire il terzo numero de Il Guastatore anche articoli dedicati alla visione “euro-sovietica” di Jean Thiriart, al racconto dell’epopea fiumana attraverso i diari di alcuni protagonisti dell’impresa dannunziana recentemente ristampati, uno studio firmato da Gennaro Malgieri e dedicato alla figura di Enrico Corradini ed al mito del nazionalismo sociale.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3