Iacobelli (Destra Sociale) attacca il cantante politicamente corretto: l'inno di Mameli non è una canzonetta. - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

giovedì 18 giugno 2020

Iacobelli (Destra Sociale) attacca il cantante politicamente corretto: l'inno di Mameli non è una canzonetta.


Piccolo inatteso fuori programma prima dell'inizio di Napoli Juventus, valevole come finale di Coppa Italia Durante l'esecuzione dell'inno nazionale, Sergio Sylvestre, vincitore della quindicesima edizione del talk show musicale Amici di Maria De Filippi, nato a Los Angeles, è stato colto dall'improvvisa emozione e ha letteralmente dimenticato le parole.
Un momento di incertezza, che non poteva non generare discussioni e polemiche, rafforzate anche dal gesto commesso dal cantante che alle fine del suo intervento musicale ha alzato il pugno al cielo urlando No Justice Non Peace, unendosi al movimento Blm che ha scatenato reazioni di tutto il mondo dopo la morte di George Floyd.

A polemizzare con il cantante è Lamberto Iacobelli, dirigente di Destra Sociale, il raggruppamento politico guidato dall'ex europarlamentare della Fiamma Tricolore Luca Romagnoli, da alcuni anni rientrato in Fratelli d'Italia che in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook dichiara: l'inno di Mameli non è una canzonetta.Mi chiedo chi ha scelto questo questo interprete per insultare chi su quelle note riconosce il proprio orgoglio la propria appartenenza il proprio essere Italiano Quella partitura musicale è stata scritta con il sangue degli Italiani e questa esibizione offende la nostra patria.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3