Mondragone, la guerriglia anti Salvini è un attentato alla democrazia. La solidarietà della sorella d'Italia Pedicini - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

martedì 30 giugno 2020

Mondragone, la guerriglia anti Salvini è un attentato alla democrazia. La solidarietà della sorella d'Italia Pedicini

Premesso che si può legittimamente non condividere la politica di Matteo Salvini e della Lega, è inaccettabile quanto è accaduto nella giornata di ieri a Mondragone. Una vera e propria guerriglia urbana che ha il sapore di un attentato alla democrazia. Vi sembra normale che si lancino sassi, bottiglie, bastoni e uova contro un leader politico nazionale? Non ne faccio un discorso politico né tantomeno partitico, ma di libertà di espressione che nel duemilaventi dovrebbe assolutamente essere garantita a tutti. Invece, ieri abbiamo assistito all’ennesima messa in scena da parte di un manipolo di delinquenti che riconosce tale libertà solo quando si tratta dei propri “amici”.
Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle scritte da Francesca Pedicini, dirigente sannita di Fratelli d'Italia che precisa: mi aspetto una netta presa di posizione volta a stigmatizzare quanto accaduto, anche da parte di chi ha contribuito nelle scorse settimane a fomentare questo clima d’odio. L’appello è rivolto al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, il quale non ha risparmiato parole di scherno nemmeno per il leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, e al sindaco di Benevento Clemente Mastella, ognuno per la propria parte complice di questi atti di violenza. Sarebbe opportuno da parte loro un tangibile gesto di solidarietà, soprattutto da parte di Mastella che cresciuto seguendo i valori d’ispirazione democratico-cristiana e moderata, ha conosciuto il sacrificio di un uomo, Aldo Moro, assassinato da chi non ne condivideva idee ma soprattutto voleva minarne la libertà di espressione. In conclusione, rivolgo la mia massima solidarietà al leader della Lega Matteo Salvini per il vile attentato che gli è stato teso, consapevole che non potrei mai condividere il suo approccio e la sua visione in materia di autonomia e unità nazionale, ma che allo stesso tempo non tollererò mai ogni qualsivoglia metodo di censura verso il prossimo. La sinistra esca dalle stanze del potere e dalla sua avversione alla libertà di espressione.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3