Edmondo Cirielli: solidarietà agli agenti della Polizia Penitenziaria.Il ministro Bonafede agisca o si dimetta - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

mercoledì 1 luglio 2020

Edmondo Cirielli: solidarietà agli agenti della Polizia Penitenziaria.Il ministro Bonafede agisca o si dimetta


E’ sconcertante che il ministro Bonafede continui a snobbare la Polizia Penitenziaria. Agli agenti del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria (Sappe) in protesta dinanzi al Ministero di Grazie e Giustizia, va la mia totale solidarietà e il mio incondizionato supporto". Lo dichiara il Questore della Camera e presidente della Direzione nazionale di Fratelli d’Italia Edmondo Cirielli
"Come può il Guardasigilli restare in silenzio, precisa l'esponente sovranista, di fronte alle legittime richieste di sostegno che giungono da un Corpo dello Stato? Possibile che non abbia nulla da dire, ad esempio, sulle quotidiane aggressioni ai danni dei poliziotti penitenziari, sulla carenza degli organici o sull’assenza di strumenti utili alla difesa per gli agenti?
E’ arrivato, precisa Cirielli, il momento che Bonafede rompa il silenzio e dimostri con i fatti se sta dalla parte dei nostri uomini in divisa oppure da quella dei delinquenti, molti dei quali, nei mesi scorsi sono stati anche scarcerati per colpa della sua incompetenza amministrativa e politica".
"Il ministro, dunque, incontri il Sappe e dia un segnale forte alla Polizia Penitenziaria: abolisca subito la vigilanza dinamica, sblocchi le graduatorie e doti gli agenti dei taser e dello spray al peperoncino.
Lo Stato, conclude Cirielli, deve tornare a farsi sentire nelle carceri italiane. In caso contrario, Bonafede si dimetta e vada a casa"

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3