Ndrangheta e rifiuti, arrestato il consigliere simbolo del centrodestra bustocco - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

lunedì 13 luglio 2020

Ndrangheta e rifiuti, arrestato il consigliere simbolo del centrodestra bustocco


Era entrato in consiglio comunale con la lista Busto Grande a sostegno della candidatura a sindaco di Emanuele Antonelli ed era diventato un simbolo in quanto primo consigliere comunale di colore a varcare la soglia della sala esagonale di Busto Arsizio, luogo deputato all'esercizio della democrazia cittadina. Non solo, la sua elezione è stata resa ancora più significativa perchè sostenuto da esponenti della destra storica cittadina come Checco Lattuada e Matteo Sabba. Oggi Paolo Efrem è finito in carcere con un’accusa pesantissima: aver agevolato con false fatturazioni una cosca di ‘ndrangheta.
Il Gico del Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf di Milano ha arrestato oggi cinque persone, tra cui il consigliere comunale di Busto Arsizio Paolo Efrem nell’ambito di un’inchiesta del pm di Milano Silvia Bonardi su infiltrazioni della ‘ndrangheta nel settore dei rifiuti. Il consigliere è finito in carcere per emissione di false fatture con l’aggravante dell’agevolazione delle cosche. L’ordinanza del gip Sara Cipolla riguarda anche il capo del clan di Legnano-Lonate Pozzolo, Vincenzo Rispoli.
Dell'arresto di Paolo Efrem, consigliere comunale della lista civica Busto Grande, alleata con la coalizione di centro destra ci parla, con maggiori dettagli, un interessante articolo, pubblicato da Varese News che potete leggere integralmente cliccando qui


Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3