Udine, consigliere comunale eletto come indipendente con Fratelli d'Italia in divisa nazista. Il partito precisa: non è un iscritto - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

domenica 5 luglio 2020

Udine, consigliere comunale eletto come indipendente con Fratelli d'Italia in divisa nazista. Il partito precisa: non è un iscritto

Indossa la divisa da Ss e ha alle spalle l'immagine incorniciata di Hitler. La foto di Gabrio Vaccarin, consigliere comunale di Nimis, in provincia di Udine, eletto nelle file di Fratelli d'Italiam come indipendente, non è fatta per passare inosservata. E dopo lo sdegno sollevato sui social, anche il partito in cui Vaccarin fu eletto nel 2016,Fratelli d'Italia, si affretta a prendere le distanze da lui.
A disconoscere il consigliere è lo stesso Walter Rizzetto, deputato e coordinatore di Fratelli d'Italia per il Friuli Venezia Giulia: "E' d'obbligo precisare che il consigliere, non iscritto a Fdi, è stato eletto nel 2016 in una nostra lista. Abbiamo comunque chiesto a Vaccarin di togliere immediatamente il nome di Fratelli d'Italia al gruppo consiliare del Comune di Nimis. Non possiamo prendere ulteriori provvedimenti in quanto, si ribadisce, non è un nostro iscritto. Se avessimo appreso prima di questa vicenda  conclude avremmo fatto le dovute valutazioni in modo tempestivo". Rizzetto sposa l'ipotesi che la foto sia stata scattata in occasione di una festa di Carnevale del 2010. Ma si affretta a mettere le mani avanti: "Ciò non toglie che io nemmeno a Carnevale vestirei con quella divisa e quei simboli, che non appartengono né a me né al movimento politico che rappresento".
Alla buona fede di Fratelli d'Italia non sembrano credere in molti. Per Fulvio Honsell, consigliere regionale di Open Sinistra Fvg, "Questo comportamento è un insulto alla memoria del territorio di Nimis e alla storia della nostra intera regione, e non può essere risolta con poche frasi di circostanza. La Destra regionale ha un colossale problema di qualità morale, prima ancora che politica". Per il consigliere comunale di Tarcento (Udine) di Fratelli d'Italia, Riccardo Prisciano, "Il coordinatore provinciale sapeva da oltre due anni di quelle foto. Perché non l'ha espulso subito? E' lecito dubitare che il coordinatore regionale Rizzetto non sia stato informato nel frattempo". Interviene anche il Pd, con il segretario regionale Cristiano Shaurli: "Non si fanno carnevalate in divisa da SS. Queste persone si vergognino, non sono degne di ricoprire nessun incarico istituzionale". Come riporta il Tgr Rai del Friuli Venezia Giulia, gli investigatori della questura di Udine hanno avviato approfondimenti per capire se ci sono gli estremi di un reato.


Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3