Crotone, Marisa Luana Cavallo: in campo con la Lega per valorizzare l'identità territoriale - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

domenica 30 agosto 2020

Crotone, Marisa Luana Cavallo: in campo con la Lega per valorizzare l'identità territoriale


Per le elezioni amministrative 2020 in Calabria nella città di Crotone il nostro prezioso collaboratore Igor Colombo ha contrato Marisa Luana Cavallo, responsabile giovanile della Lega e candidata al Consiglio Comunale. Marisa Luana Cavallo è laureata in giurisprudenza ed attualmente svolge la pratica forense in due studi legali, l’11 febbraio 2019 viene nominata coordinatrice provinciale dei giovani della Lega, è alla sua prima candidatura. [

1)Che cosa vuol dire il perché della sua candidatura e perché con la Lega di Salvini?
 Mi sono candidata perché Crotone è come una mamma e la mamma non si può non amare e non difendere. Inoltre, ritengo inutile lamentarsi degli innumerevoli problemi che, purtroppo, la nostra città risente, senza avere il coraggio di metterci la faccia indipendentemente da come andrà. Ho scelto la Lega per tanti motivi, uno di questi è perché valorizza l’identità territoriale che ritengo debba essere riscoperta dalla nostra gente. Se mi sono avvicinata alla Lega, in una città considerata da sempre la Stalingrado del sud è soprattuto per la stima che nutro nei confronti del referente Provinciale, l’Avv. Giancarlo Cerrelli, persona conosciuta per le sue battaglie e per i suoi valori di riferimento che ho fatto miei, primi tra tutti la lotta contro il gender e l’aborto, a favore della vita e della famiglia naturale fondata sul matrimonio, composta tra un uomo e una donna.
2)Donne e politica, un tema sempre attuale e molto discusso, cosa rappresenta per lei l’impegno di una donna in politica nel contesto della società contemporanea?
 La società ha bisogno di uomini e di donne che, insieme, possano lavorare per valorizzare il proprio paese tenendo in riferimento solo ed esclusivamente il bene comune. Basta esasperazioni ideologiche che tendono a propiziare una guerra tra i sessi. È necessaria una alleanza tra uomo e donna. La donna, da sempre sensibile ai bisogni della comunità, riveste un ruolo fondamentale in politica, così come l’uomo; ciò che tuttavia è importante è una politica fatta da persone di buon senso, uomini, donne e giovani, questi ultimi risorse fondamentali per un cambiamento autentico. [ 3) Crotone è una città che presenta diversi problemi , primo fra tutti quello atavico riguardo all’ ambiente che in ogni campagna elettorale si ripresenta e viene cavalcato da tutte le forze politiche , che soluzioni propone il suo partito per questa problematica? 
 La Lega di Crotone è a favore di una ecologia umana, cioè rispettosa innanzi tutto dell’uomo, sopratutto nei momenti di più grande fragilità, ad esempio all’inizio e alla fine della vita. Diversi sono in punti sui quali la Lega si spende per la sostenibilità ambientale. Sarebbe necessario, ad esempio, inserire a livello scolastico un’ora obbligatoria di educazione ambientale, con lo scopo di formare i giovani sull’importanza della conservazione di un’ambiente sano e al rispetto del territorio.

4) Altro piaga della città pitagorica è la disoccupazione , cosa prevede il programma della sua coalizione per il rilancio economico e finanziario di Crotone ?
 La prossima amministrazione comunale dovrà farsi carico di una serie di attività che possano favorire opportuni processi di sviluppo, anche riattivando e potenziando le infrastrutture, ferrovia, porto e aeroporto. Come si può pensare di creare lavoro se si continua ad essere scollegati dal mondo?
5) In un suo post dalla sua pagina di Facebook dice chiaramente “basta clientelismo” e prende una posizione forte contro la ndrangheta scrivendo che le fa schifo; lei da giovane militante impegnata in politica, come pensa debba essere combattuta dalle istituzioni la criminalità organizzata specie in un territorio difficile e particolare come il suo?
 Prima di tutto parlandone, perché, a parer mio, sopratutto tra noi giovani, non se ne parla per niente. La ndrangheta è come una brutta malattia, bisogna affrontarla guardando in faccia il nemico anche con paura ma mai piegando la testa. Ci sono diverse forme di mafia, la prima è scendere a compromessi e in politica è una cosa che si fa spesso. Crotone è una realtà che ha bisogno di ripulirsi da un sistema clientelare che è la causa maggiore di un territorio mai cresciuto. Un messaggio che voglio lanciare in particolare ai giovani: non è facile ma bisogna avere la voglia e il coraggio di tornare ad essere liberi. Non abbiate paura di alzare la testa e quando una cosa non buona, una qualsiasi, vi viene imposta, ribellatevi. Le istituzioni dovrebbero essere di esempio ma non tutte lo sono, sarebbe urgente che si distaccassero dalla mafia, con la quale spesso e volentieri hanno collaborato.

6) Lei è la responsabile giovanile della Lega in città ed insieme al suo collega di partito(anche lui candidato) Francesco Pariano coordinate tutte le attività giovanili , ci vuol parlare brevemente del vostro impegno all’interno della sezione crotonese? Dal mio coordinamento ad oggi, insieme ad Angelo Greco, Coordinatore Regionale Lega Giovani Calabria, Francesco Pariano, Coordinatore Regionale Comunicazione Lega Giovani e ai ragazzi della Lega Giovani Provincia di Crotone, ci riuniamo presso la Sede Provinciale Della Lega di Crotone per confrontarci e per mettere sul tavolo tutto ciò che potrebbe essere utile per lo sviluppo del nostro territorio, da sempre martoriato. Diverse sono state le uscite con i Gazebo della Lega Giovani che ci hanno consentito di presentarci alla gente; ci siamo sempre organizzati per essere presenti alle manifestazioni presenziate dal nostro Capitano Matteo Salvini, nelle quali, ogni volta, ci rendiamo disponibili per fare servizio d’ordine; inutile nascondere che è complicato avvicinare i giovani alla politica, però posso dire con soddisfazione che la Lega è l’unico partito che gode di un movimento giovanile a livello nazionale, guidato dal nostro Segretario Nazionale della Lega Giovani, l’On. Luca Toccalini, per noi esempio da seguire. Nella Provincia di Crotone stiamo continuando a radicarci, abbiamo un bel gruppo di giovani a Pallagorio e una riunione in programma, dopo le elezioni comunali, a Mesoraca con ragazzi pronti a combattere per la propria terra mettendoci la faccia, questa è la cosa importante, mettersi in gioco anche incassando gli attacchi.

 7) In caso di elezione nell’assise cittadina, qual è la prima cosa che vorrebbe vedere realizzata per la sua Crotone e per la quale si impegnerà?
Nel caso in cui dovessi essere eletta, la prima cosa che vorrei vedere realizzata è una città degna di poter accogliere i suoi figli, oggi non lo è. Desidero tanto che la nostra Crotone, ad esempio, possa avere l’università. Perché Catanzaro si e Crotone no? Spiegatemelo.
8)Cosa direbbe ai cittadini crotonesi per convincerli a votare Lega? 
 La Lega non ha mai amministrato, dove lo fa, fa bene. Sarebbe un sogno, avere l’efficienza del nord al sud. Al nord abbiamo tanti ottimi professionisti del sud, che magari avrebbero voluto rimanere nella propria terra ma, per colpe non loro, non è stato possibile.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3