Festini con coca e baby prostitute a Bologna, sei indagati: ai domiciliari candidato leghista non eletto alle regionali - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

mercoledì 2 settembre 2020

Festini con coca e baby prostitute a Bologna, sei indagati: ai domiciliari candidato leghista non eletto alle regionali

Induzione alla prostituzione e reati in materia di stupefacenti. Queste sono le accuse che hanno portato i carabinieri della compagnia Bologna Centro ad eseguire sei misure cautelari nei confronti di altrettante persone, tra cui ci sono un avvocato e un agente immobiliare, aspirante politico, noto tifoso della squadra di basket della Virtus Bologna: Luca Cavazza, 27 anni, candidato per la Lega con Lucia Borgonzoni alle ultime elezioni regionali, è ai domiciliari. 
Ricordiamo che vale per tutti, anche per il candidato leghista  Luca Cavazza, la presunzione d'innocenza, quel fondamentale principio giuridico secondo il quale un imputato è considerato non colpevole sino a che non sia provato il contrario.
Nella giornata di ieri sono state eseguite le perquisizioni. Tra le vittime figurerebbero anche ragazze minorenni, coinvolte in festini dove giravano sostanze stupefacenti. Per uno degli indagati è stata disposta la misura della detenzione in carcere.








Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3