Regionali Campania 2020: il crollo degli ex Alleanza Nazionale - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

mercoledì 23 settembre 2020

Regionali Campania 2020: il crollo degli ex Alleanza Nazionale

I candidati provenienti dalle file della destra di governo che fu, incarnata da Alleanza Nazionale, erano presenti in questa tornata elettorale, davvero ovunque, anche in qualche lista civica di centro sinistra, come nel caso di Diego Venanzoni in De Luca presidente, il primo che mi viene in mente  la maggioranza però era candidati nella Lega ed in Fratelli d'Italia.
D'altronde chi ha fondato la Lega in Campania, sono stati nel loro passato politico dirigenti del Movimento Sociale Italiano prima, di Alleanza Nazionale, come nel caso dell'ex senatore Vincenzo Nespoli e degli onorevoli Gianluca Cantalamessa e Giuseppina Castiello.
I candidati di area ex An hanno rimediato brutte figure. Per esempio Angela Russo, candidata considerata vicina all'ex senatore Vincenzo Nespoli, ha rimediato nella città del senatore solo 850 preferenze mentre la candidata sostenuta dal presidente regionale Gianluca Cantalamessa, l'avvocato Simona Sapignoli, non ripete il buon risultato delle scorse europee dove conquistò oltre 20 mila preferenze fermandosi a 1472.
Al di sotto delle aspettative anche il risultato del dottor Maurizio Esposito, già consigliere provinciale di Alleanza Nazionale, che nonostante il sostegno dell'associazione identitaria Campo Sud, guidata dall'onorevole Marcello Taglialatela, conquista poco più di 1000 preferenze.
Davvero tempi di magra per i candidati ex An nelle file della Lega. 
In Fratelli d'Italia erano davvero tanti i candidati provenienti dalle file di Alleanza Nazionale che nel collegio di Napoli conquista due eletti, l'ex Forza Italia Michele Schiano e Marco Nonno, già consigliere comunale ed esponente della destra sociale partenopea. 
Alcuni di loro dal passato glorioso come l'ex consigliere regionale Pietro Diodato che conquista 4542 preferenze o come l'ex europarlamentare Crescenzio Rivellini arrivato a 4568 consensi. 
Risultato al di sotto delle aspettative anche per Marta Schifone, figlia dell'ex consigliere regionale nonché europarlamentare Luciano, che conquista 4282 preferenze.
Della matita non hanno fatto tutti buon uso, i potenziali elettori di Gabriella Peluso, che nonostante il simpatico rap propagandistico, che ha fatto migliaia di visualizzazioni in rete, arriva a 3000 preferenze, conquistando  l'ottavo posto in classifica 




Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3