Cerreto (FdI): "De Luca annuncia il lockdown e certifica il suo fallimento totale" - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

venerdì 23 ottobre 2020

Cerreto (FdI): "De Luca annuncia il lockdown e certifica il suo fallimento totale"

"In una diretta Facebook agghiacciante assistiamo all’ennesima conferenza del governatore De Luca che afferma di voler arrivare a “chiudere tutto”. Tale decisione sancisce quanto il coordinamento provinciale di Caserta ha sempre denunciato". Lo afferma l'avvocato Marco Cerreto, commissario provinciale di Fratelli d’Italia a Caserta.
La decisione del governatore palesa anche la totale mancanza di un piano di contrasto organico, ricorda Cerreto, precisando come la Campania sia  a corto di posti letto per la terapia intensiva. Ebbene perché come chiesto ripetutamente da Fratelli d’Italia non ha riaperto prima dell’estate gli ospedali di comunità, i presidi ospedalieri da lui dismessi, gli ospedali militari, arrivando oggi, in un clima degno del film “Indipendence Day” a invocare sacrifici e sforzi della comunità campana, salvo poi appellarsi a Conte per mettere a punto ristori economici per chi, lui e non altri, decide oggi di fermare e di fatto condannare a morte certa, cioè quella economica, quella del fallimento di migliaia di imprese che non potranno più riaprire».
«De Luca, ricorda Cerreto, ha gestito l’emergenza pensando solo al suo tornaconto elettorale, nella prima fase, quando di fatto il virus in Campania era assente, ha seminato terrore tra la popolazione per poi dare prebende a pioggia in vista delle elezioni, guardandosi bene dal pubblicare i dati che già da settembre cominciavano pericolosamente a salire per colpa di chi si era contagiato in vacanza. Ma allora i dati non servivano, perché il 21 bisognava votare, ma in quei giorni la Campania era già prima a livello nazionale per numero di contagi, ma solo Fratelli d'Italia  ne diede notizia nel dibattito politico».
«Perché, conclude Cerreto, in un paese che sceglie di devolvere a regioni e sindaci la decisione di chi chiude e chi no, nessuno pensa seriamente che questa non è solo una battaglia sanitaria ma anche una sfida economica epocale e senza una serie di scelte organiche e strutturali di carattere economico a sostegno delle categorie più fragili, delle PMI, dei lavoratori autonomi, degli artigiani e degli operai le politiche poste in essere dalle regioni e dal governo, di contrasto al virus, possono essere più letali del virus» 

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3