Cervinara, per non morire popolare europeo o rivoluzionario liberale Francesco Casale lascia la Lega - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

venerdì 30 ottobre 2020

Cervinara, per non morire popolare europeo o rivoluzionario liberale Francesco Casale lascia la Lega


"Dopo un’attenta riflessione personale ho deciso di lasciare il movimento politico di Matteo Salvini. La scelta di intraprendere la strada della rivoluzione liberale e le spinte di componenti interne verso il partito popolare europeo vanno in netto contrasto con l’idea iniziale di costituire una lega nazionale fondata su ideali legati al sovranismo nazional popolare da sempre essenza delle mie idee. A peggiorare il tutto è subentrata la mancata strutturazione del movimento abbinata ai continui commissariamenti decisi dall’alto che hanno creato uno scollamento totale tra il vertice e la base".

Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Francesco Casale, leghista della prima ora in provincia di Avellino, responsabile locale a Cervinara, che precisa: "per quanto riguarda la mia provincia, inizialmente e’ stato fatto un intenso lavoro per strutturare il partito in Irpinia, guidato dall’ ex coordinatore provinciale Sabino Morano, poi è subentrata una stagnazione politica abbinata a scelte abbastanza discutibili… Come la decisione di candidature avvenute senza nessun consulto dai territori… In special modo la fascia del Partenio-valle caudina.

Nonostante essere stati i primi a strutturarsi creando un coordinamento di zona tra le comunità di Roccabascerana, San Martino, Rotondi e Cervinara, nonostante la presenza di un consigliere comunale a Roccabascerana, nonostante la capacità di
 giovani responsabili presenti in ogni paese e sempre pronti a lavorare per il territorio in modo costruttivo e genuino…Per l’ennesima volta si è preferito snobbare i tesserati e i simpatizzanti della valle escludendoli da qualsiasi decisione. I 400 voti di preferenza che ho ricevuto nell’ultima tornata elettorale mi rendono consapevole e responsabile che la mia battaglia politica per il territorio deve continuare più di prima e in attesa di una seria proposta politica legata ai miei ideali (che oramai da troppo tempo stenta ad arrivare) la mia azione continuerà sotto altre forme basate soprattutto sull’ associazionismo e sul movimentismo. Ringrazio coloro che mi sono stati vicini in questa breve avventura e che hanno compreso in pieno le motivazioni delle mia scelta.

e






Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3