Mondo di Mezzo, Alemanno: io "corrotto" senza corruttore - Il Sovranista

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

venerdì 23 ottobre 2020

Mondo di Mezzo, Alemanno: io "corrotto" senza corruttore


E' stata confermata in appello la condanna a sei anni di reclusione per Gianni Alemanno, ex sindaco di Roma e leader della destra sociale in Alleanza Nazionale prima, nel Popolo della libertà poi, coinvolto in uno dei filoni dell'inchiesta sul cosiddetto "Mondo di mezzo". L'accusa per Alemanno è di corruzione e finanziamento illecito. Il procuratore generale Pietro Catalani aveva sollecitato una riduzione di condanna a 3 anni e sei mesi, chiedendo di riconoscere solo il reato di corruzione. Così non è stato però, perché i giudici della corte di Appello di Roma hanno di fatto confermato la sentenza di primo grado, condannando l'ex primo cittadino per entrambi i reati.
L'ex sindaco, difeso dagli avvocati Pietro Pomanti e Filippo Dinacci era presente in aula alla lettura del dispositivo della sentenza che ha dichiarato: sono colpito da questa sentenza in aperto e inammissibile conflitto con quanto già deciso in via definitiva dalla Cassazione.
Una sentenza superiore alle richieste del Pg Catalani che aveva chiesto una sostanziale riduzione di pena. Mentre la Cassazione per lo stesso fatto aveva condannato tutti gli altri imputati per il reato di Traffico d’influenze, oggi la Corte di Appello è entrata in conflitto con questa sentenza condannando solo me per corruzione. Quindi io sarei un corrotto senza corruttore. O forse mi sono corrotto da solo… A questo punto è evidente che ricorrerò in Cassazione. Per vedermi riconoscere una innocenza che è già scritta nella sentenza definitiva della Suprema Corte. 

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3