Filippo Rossi(Buona Destra): tra Draghi e Conte c’è un filo conduttore. La svolta si chiama continuità - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

mercoledì 3 febbraio 2021

Filippo Rossi(Buona Destra): tra Draghi e Conte c’è un filo conduttore. La svolta si chiama continuità


La politica italiana ha un grande, enorme difetto trasversale: spacca il mondo e non lo unisce, provoca odio e non fiducia.
Cosa si può pensare di questa fase? Innanzitutto che il presidente Sergio Mattarella non poteva fare null’altro di fronte al fallimento della ormai ex maggioranza parlamentare. L’incapacità di solidarietà e collaborazione è la vera tragedia della politica italiana. Da oggi Mario Draghi non sarà più un tecnico, sarà un politico. Anzi, a ben vedere, Draghi lo è stato già un politico, eccome. Perché un altro difetto della politica italiana è quella di mettere muri invece che costruire ponti. Anche tra ruoli che per loro natura non hanno confini precisi. Draghi cosa è stato quando ha salvato l’euro (e l’Europa)? Più politico che tecnico. Sicuramente tutte e due le cose.
La sfida dovrebbe essere quella di vedere tratti comuni anche tra personaggi che la cronaca e il gossip vogliono dividere per forza. Tra Conte e Draghi (figure diversissime) esiste comunque un filo conduttore al di là della maggioranza parlamentare, al di là delle appartenenze, delle storie personali. Draghi è un socialista liberale attaccato dai tedeschi per aver difeso l’Europa mediterranea.
Cos’è stato Conte? È stato l’avvocato del popolo (definizione insopportabile perché la politica è altro, tutt’altro) diventato politico. Il suo maggior pregio? No, non è stata la gestione della pandemia, nella quale comunque non ha sfigurato. Il suo maggior pregio è quello di aver trasformato un movimento populista e antieuropeo in una forza di governo ed europeista. Per questo non possiamo che ringraziarlo. Oltre il gossip, oltre la cronaca. Oltre, anche, agli inevitabili errori.
Adesso però Conte dovrebbe aver il coraggio di portare alle estreme conseguenze il suo percorso. Dovrebbe mettersi a disposizione del suo successore come servitore della patria. Perché questo è stato. E questo dovrebbe continuare ad essere come scrive dalle colonne de Il Fatto Quotidiano, il collega Filippo Rossi, in un interessante articolo che potete leggere integralmente cliccando qui

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3